Le persone vaccinate possono trasmettere il Coronavirus? - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Le persone vaccinate possono trasmettere il Coronavirus?

Condividi questo articolo.

La vaccinazione previene completamente le infezioni? La risposta breve è no. Puoi ancora essere infettato dopo aver ricevuto il tuo vaccino. Ma le tue possibilità di ammalarti gravemente sono scarse o nessuna.

Molte persone pensano che i vaccini funzionino come uno scudo, impedendo a un virus di infettare completamente le cellule. Ma nella maggior parte dei casi, una persona che viene vaccinata è protetta dalle malattie, ma non necessariamente dalle infezioni.

Il sistema immunitario di ogni persona è leggermente diverso, quindi quando diciamo che un vaccino è efficace al 95%, significa solo che il 95% delle persone che sono state vaccinate non si ammalerà.

Queste persone potrebbero essere completamente protette dalle infezioni, oppure potrebbero essere infettate ma rimanere asintomatiche perché il loro sistema elimina il virus molto rapidamente. Il restante 5% può essere infettato e ammalato, ma è improbabile che tali persone vengano ricoverate in ospedale.

La vaccinazione non previene al 100% le infezioni, ma in tutti i casi conferisce al sistema immunitario un grande vantaggio contro il coronavirus. Che si tratti di una protezione completa contro l’infezione o, se si sviluppa un qualsiasi livello di malattia, dopo aver ricevuto la dose di vaccino starà sempre meglio che se non l’avessi fatto.

I vaccini prevengono le malattie, non le infezioni.
Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, CC BY

Infezione significa trasmissione?

La trasmissione si verifica quando un numero sufficiente di particelle virali da una persona infetta entra nel corpo di un’altra persona non infetta. In teoria, chiunque sia infetto potrebbe trasmettere il virus. Ma la vaccinazione ridurrà le possibilità che ciò accada.

In generale, anche se la vaccinazione non previene completamente l’infezione, ridurrà significativamente la quantità di virus che lascia il naso e la bocca e accorcerà il tempo di diffusione del virus.

Questo sembra essere il caso dei vaccini contro il coronavirus. In un recente studio precedente che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, i ricercatori israeliani hanno esaminato 2.897 persone vaccinate per rilevare segni di infezione. La maggior parte non aveva virus rilevabili, ma le persone infette avevano un quarto di virus nel corpo rispetto alle persone non vaccinate che erano state testate in momenti simili dopo l’infezione.

Meno virus di coronavirus significa meno possibilità di diffonderlo e se la quantità di virus nel tuo corpo è abbastanza bassa, la possibilità di trasmetterlo può raggiungere quasi zero.

Tuttavia, i ricercatori non sanno ancora dove sia quel limite per il coronavirus e poiché i vaccini non forniscono una protezione al 100% contro le infezioni, gli esperti raccomandano che le persone continuino a indossare maschere facciali e mantengano misure di allontanamento sociale anche dopo .

Varianti più recenti e più infettive potrebbero limitare l’efficacia dei vaccini attuali.

E le nuove varianti del coronavirus?

Negli ultimi mesi sono emerse nuove varianti del coronavirus e studi recenti dimostrano che i vaccini sono meno efficaci contro alcuni di queste, come la variante B1351 identificata per la prima volta in Sud Africa.

Ogni volta che SARS-CoV-2 si replica, riceve nuove mutazioni.

Negli ultimi mesi, i ricercatori hanno trovato nuove varianti più infettive, il che significa che una persona ha bisogno di inalare meno virus per essere infettata e altre varianti che sono più trasmissibili, il che significa che aumentano la quantità di virus che una persona emette. E i ricercatori hanno anche trovato almeno una nuova variante che sembra avere un tempo più facile per eludere il sistema immunitario, secondo i primi dati.

Per la variante sudafricana, i vaccini forniscono ancora più dell’85% di protezione contro una grave malattia di COVID-19. Ma quando si contano i casi lievi e moderati, i vaccini forniscono, nella migliore delle ipotesi, solo una protezione del 50% -60% circa . Ciò significa che almeno il 40% delle persone vaccinate avrà ancora un’infezione abbastanza forte e abbastanza virus nel proprio corpo da soffrire di una malattia almeno moderata.

Se le persone vaccinate hanno più virus nel loro corpo e ci vuole meno virus per infettare un’altra persona, ci saranno maggiori possibilità che una persona vaccinata possa trasmettere questi nuovi ceppi del coronavirus.

Se tutto va bene, i vaccini ridurranno molto presto il tasso di malattie gravi e di morte in tutto il mondo. Indubbiamente, un vaccino che riduce la gravità della malattia anche, a livello di popolazione, ridurrà la quantità di virus che viene trasmessa.

Ma a causa dell’emergere di nuove varianti, le persone vaccinate hanno ancora il potenziale per diffondere e trasmettere il coronavirus ad altre persone, indipendentemente dal fatto che siano vaccinate o meno. Ciò significa che i vaccini impiegheranno probabilmente più tempo per ridurre la trasmissione e migliorare l’immunità della mandria che se queste nuove varianti non fossero mai emerse.

Quanto durerà questo processo sarà il risultato di un equilibrio tra l’efficacia dei vaccini contro i ceppi emergenti e quanto siano trasmissibili e infettivi i nuovi ceppi.

 

(Le persone vaccinate possono trasmettere il coronavirus? – Benessereclick)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy