La consigliera Alaimo tuona contro il Vescovo: “Parole di un uomo di Dio lontane dall’insegnamento biblico del Nuovo testamento” – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

La consigliera Alaimo tuona contro il Vescovo: “Parole di un uomo di Dio lontane dall’insegnamento biblico del Nuovo testamento”

Condividi questo articolo.

Ho letto con stupore le parole del Vescovo Russotto su una testata giornalistica che riportava le parole dello stesso durante l’omelia della messa di Pasqua celebrata nella cappella dell’ospedale Sant’Elia.

Parole di un uomo di Dio lontane, a dire il vero, dall’insegnamento biblico del Nuovo testamento. Un vescovo che parla alla pancia della povera gente ed incita alla vendetta, la vendetta che è frutto dell’odio nei confronti di uomini e donne “politici” che, sì è vero, commettono errori. Gli errori però li commettono tutti gli uomini ed in tale categoria ricordiamo che entrano anche preti e vescovi.

Tutti meritano il perdono se vi è un peccato; alcuni Vescovi hanno avuto il coraggio di chiedere il perdono per assassini, ma mai hanno parlato di “rivoluzione silenziosa, che parte dal cuore”.

Qualcuno più autorevole di me ha detto ad una folla che voleva lapidare una donna “Chi è senza peccato scagli la prima pietra”, e nessuno si permise di lanciare un sassolino, nemmeno colui che era senza peccato. Oggi nessuno è privo di colpa e tutti dovremmo essere più accorti nel dire e nel fare, perché la rivoluzione potrebbe non partire dal cuore ma dalla pancia con un odio che offusca la mente.

Si chiede alla religione, qualunque essa sia, di trasmettere un messaggio di amore e di speranza, di compassione e perdono, di capire le debolezze per affrontare insieme i momenti di difficoltà che la vita inevitabilmente ci porta a soffrire. La religione può e deve parlare di impegno civile per lasciare questo mondo migliore di come è stato trovato. Il coraggio di chi crede, in una religione o in ideali laici, deve sostenere chi sbaglia ed allontanare chi ha commesso errori dentro le istituzioni, siano esse laiche ma anche religiose.

Ho letto le parole di Papa Francesco rivolte ai politici, parole di tutt’altro tenore rispetto a quelle di Monsignor Russotto << Fare politica è importante, significa portare la croce di tanti fallimenti e anche portare la croce di tanti peccati. Perché nel mondo è difficile fare il bene in mezzo alla società senza sporcarsi un poco le mani o il cuore; ma per questo vai a chiedere perdono, chiedi perdono e continua a farlo. Ma che questo non ti scoraggi a lottare per una società più giusta e solidale. Se il Signore ti chiama a quella vocazione fai politica. Ti farà soffrire, forse ti farà peccare, ma il Signore è con te. Chiedi perdono e vai avanti. Ma non lasciamo che questa cultura dello scarto ci scarti tutti! Scarta anche il creato, perché il creato ogni giorno viene distrutto di più. Non dimenticare quella parola del beato Paolo VI: la politica è una delle forme più alte della carità>>.

Il Vescovo parli di perdono, di preghiera e di compassione nelle sue omelie, parli di impegno civile dei cittadini a sostegno di chi amministra che può sbagliare perché umano e non dimentichi che siamo tutti sotto lo stesso cielo che ci giudicherà singolarmente e senza fare di tutta l’erba un fascio.

 

Dott.ssa Valeria Alaimo

consigliere comunale Caltanissetta

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy