Mafia, droga e prostituzione tra Caltanissetta e San Cataldo. In otto chiedono di concordare la pena in appello – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Mafia, droga e prostituzione tra Caltanissetta e San Cataldo. In otto chiedono di concordare la pena in appello

Condividi questo articolo.

In otto chiedono di concordare la pena in appello, mentre per altri due il processo andrà avanti con la requisitoria del sostituto procuratore generale Carlo Lenzi. Questa l’ultima novità del processo per l’inchiesta antimafia “Kalyroon”, che vede imputate dieci persone accusate a vario titolo di associazione mafiosa, associazione finalizzata allo spaccio di stupefacenti, estorsione, danneggiamento e sfruttamento della prostituzione. Si tratta dei dieci imputati che avevano scelto il rito abbreviato e che furono condannati dalla gup Alessandra Giunta, mentre altri dodici sono sotto processo in primo grado in Tribunale.

Richiesta di pena concordata – per tutti in continuazione con condanne precedenti – a 6 anni e 6 mesi per Calogero Maurizio Di Vita (59 anni, di San Cataldo, condannato in primo grado a 18 anni), a 6 anni per Antonio Cordaro (53 anni, di San Cataldo, condanna in primo grado 14 anni e 4 mesi), a 6 anni per Angelo Giumento (38 anni, sancataldese, pena di 10 anni e 7 mesi in primo grado), a 5 anni e 10 mesi per Vincenzo Scalzo (45 anni, di San Cataldo, condannato in primo grado a 10 anni e 7 mesi), a 4 anni per Pietro Mulone (44 anni, di San Cataldo, pena di 11 anni e 4 mesi in primo grado), a 3 anni ciascuno per i fratelli nisseni Vincenzo Ferrara (53 anni, pena di 10 anni e 7 mesi in primo grado) e Fabio Ferrara (45 anni, pena di 4 anni in primo grado), a 8 mesi per l’albanese Elis Deda (36 anni, pena di 6 anni in primo grado). Nei giorni scorsi ad Angelo Giumento – difeso dall’avvocato Giuseppe Dacquì – sono stati concessi gli arresti domiciliari al posto della detenzione in carcere. La possibilità di concordare la pena in appello era stata cancellata nel 2008 ed è stata reintrodotta nel 2017.

Niente richiesta di concordato, invece, da parte di Salvatore “Totò” Cordaro (53 anni, di San Cataldo, condannato in primo grado 11 anni e 3 mesi) e e Calogero Luca Cordaro (35 anni, originario di Canicattì, condannato a 7 anni e 4 mesi in primo grado). A maggio è prevista la discussione dell’accusa per questi ultimi, successivamente discuteranno gli avvocati difensori Salvatore Daniele, Calogero Vinci, Davide Anzalone, Giuseppe Dacquì, Dino Milazzo, Salvatore Amato e Andrea Alberti. Poi la seconda sezione penale della Corte d’appello (presidente Andreina Occhipinti, consiglieri Marco Sabella e Giovanbattista Tona) deciderà sulle richieste di concordato ed emetterà la sentenza.

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy