Covid: a Caltanissetta al via sperimentazione con anticorpi - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Covid: a Caltanissetta al via sperimentazione con anticorpi

Condividi questo articolo.

Devono essere somministrati per via endovenosa

(ANSA) – CALTANISSETTA, 27 MAR – A Caltanissetta si parte con la somministrazione della cura sperimentale con anticorpi monoclonali nei pazienti affetti da Covid-19. “Gli anticorpi monoclonali bamlanivimab ed etesemivab – spiega il primario di Malattie Infettive Giovanni Mazzola – sono stati progettati in laboratorio specificamente per neutralizzare la proteina Spike del virus SarsCov2.

Sono farmaci che devono essere somministrati per via endovenosa in un setting assistenziale protetto al fine di potere intervenire prontamente in caso di eventi avversi”.
Il primario fa presente che “la loro tollerabilità negli studi clinici è elevatissima, ma trattandosi di farmaci ancora non commercializzati è necessario osservare la massima cautela, a tutela della salute dei pazienti e della sicurezza dei medici che li somministrano.
Gli anticorpi monoclonali vengono dispensati esclusivamente per i pazienti domiciliari con infezione recente e malattia da Covid-19 lieve ma che , essendo “fragili ” per le loro patologie di base, hanno una alta probabilità di andare incontro a ospedalizzazione. I criteri di selezione per gli adulti sono l’età maggiore di 65 anni con almeno un fattore di rischio oppure la coesistenza di almeno una delle seguenti patologie: obesità, malattie cardiovascolari ( oltre 55 anni), diabete scompensato, malattie polmonari croniche pre-esistenti (oltre 55 anni), immunodepressione e patologie oncoematologiche, dialisi. “Per i pazienti tra 12 e 17 anni – conclude Mazzola – deve essere diagnosticata obesità oppure anemia falciforme o malattie cardiovascolari congenite, ma sono incluse anche le malattie del neurosviluppo e l’asma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy