Case popolari, rifiuti e voti: gli interessi della mafia sul Comune di San Cataldo – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Case popolari, rifiuti e voti: gli interessi della mafia sul Comune di San Cataldo

Se ti è piaciuto questo articolo, valutalo.

Condividi questo articolo.

Sono cinque i temi chiave che hanno indotto il governo a sciogliere il Consiglio comunale di San Cataldo per «ingerenze della criminalità organizzata all’interno dell’ente». Un documento, di trenta pagine, in cui la commissione prefettizia di Caltanissetta ha evidenziato anomalie nella redazione delle liste elettorali della competizione del 24 maggio del 2014, nei servizi della raccolta dei rifiuti e dei servizi cimiteriali, nella gestione delle case popolari e nella riscossione delle tasse.

Aspetti cruciali anche sul fronte finanziario dell’ente per cui è stato dichiarato il dissesto finanziario. Sono indicati «univoci e rilevanti elementi su collegamenti diretti e indiretti degli amministratori locali con la criminalità organizzata e su forme di condizionamenti».

L’indagine prefettizia è scaturita qualche mese dopo l’inchiesta antimafia «Pandora» sul connubio tra imprenditoria, criminalità organizzata e burocrati dell’ente.

Il blitz dei carabinieri, coordinati dalla Dda di Caltanissetta, ha fatto emergere come le organizzazioni criminali abbiano esteso la propria ingerenza negli appalti pubblici e nel lucroso settore dello smaltimento dei rifiuti. E’ emerso anche che dietro l’affidamento diretto di alcuni servizi e lavori comunali vi sarebbero state non già ragioni di urgenza, bensì una «programmata volontà» di avvantaggiare le imprese affidatarie con il conseguimento di utilità da parte di dipendenti infedeli, anche con la stipula di subcontratti con ditte riconducibili a loro familiari.

 

(https://caltanissetta.gds.it/articoli/cronaca/2019/04/20/case-popolari-rifiuti-e-voti-cosi-la-mafia-agiva-sul-comune-di-san-cataldo-a252846a-6fee-4a11-9f6e-f8d953be8516/)

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy