Teatro Margherita, lo scrittore e attore e Rosario Palazzolo porta a Caltanissetta i suoi “killer” - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Teatro Margherita, lo scrittore e attore e Rosario Palazzolo porta a Caltanissetta i suoi “killer”

Condividi questo articolo.

Due gli appuntamenti in programma al Teatro Regina Margherita:  l’incontro per il ciclo“Prima della prima” (martedì 29 gennaio) durante il quale presenterà il suo ultimo libro “La vita schifa”, e la messa in scena firmata da Giuseppe Cutino (venerdì 31 gennaio) de “L’ammazzatore”,  di cui è autore e interprete al fianco di Salvatore Nocera

Presentazione di “La vita schifa” – Teatro Regina Margherita, mercoledì 29 gennaio ore 18 “L’ammazzatore”- Teatro Regina Margherita, venerdì 31 gennaio ore 21. Pagina Facebook: Teatro Comunale Regina Margherita, Caltanissetta

 

Il Teatro Regina Margherita di Caltanissetta si prepara a una due giorni in compagnia di uno dei drammaturghi siciliani più apprezzati del momento: Rosario Palazzolo.

Dell’autore palermitano, che è anche scrittore, regista e attore, sarà messo in scena venerdì 31 gennaio alle ore 21 per la stagione organizzata e impaginata dall’Amministrazione comunale, il fortunato “L’ammazzatore”, spettacolo diretto da Giuseppe Cutino che vede in scena lo stesso Palazzolo al fianco dell’attore sancataldese Salvatore Nicotra. 

Lo spettacolo, che nasce dall’incontro tra il drammaturgo Rosario Palazzolo e il regista Giuseppe Cutino, non è una storia di mafia, ma una storia minuscola di un uomo minuscolo capace di pensieri minuscoli, un uomo che si fa emblema dell’umanità tutta: disorientata e meschina, delicata e derelitta, ironica e corrosiva. Perché ci sono uomini costretti a vivere una vita che non gli appartiene, per scelte che non hanno fatto, per idee che non condividono. Come Ernesto Scossa, il protagonista de L’ammazzatore, che è nato in una Palermo che non concede vie d’uscita, e si trova a dover uccidere per mestiere, fino a quando la consapevolezza di una scelta gli offrirà un vago spiraglio di luce.

Lo spettacolo di Rosario Palazzolo è anche un inno alla vita, nonostante tutto, perché è un’invenzione continua, il moto di chi non smette mai di andare avanti, persino davanti al baratro. Ed è anche una lingua, divaricata e poetica, fatta di parole uscite come da un carillon piccolissimo, capace solo di pensieri mignon, e che sottende gesti delicati, tenuti nascosti nelle pieghe di trame arricciate. Come se del vivere bisognasse vergognarsi.

Ma prima, ed esattamente mercoledì 29 gennaio alle ore 18, Rosario Palazzolo sarà ancora al Teatro Regina Margherita per il ciclo di incontri “Prima della prima” organizzati  dall’Amministrazione comunale per conoscere più da vicino alcuni degli spettacoli della Stagione, attraverso le parole di giornalisti, docenti, intellettuali e anche alcuni degli stessi attori e autori. Per l’occasione Rosario Palazzolo, accompagnato dal regista Giuseppe Cutino, oltre al suo spettacolo presenterà al pubblico nisseno il suo ultimo libro, uscito lo scorso 23 gennaio per la collana SideKar di Arkadia editore, intitolato  “La vita schifa”.

Ambientato a Palermo, ne “La vita schifa” un uomo racconta il suo ultimo anno di vita. Lo racconta da morto, ci dice i perché, ci spiega i per come, ci catapulta in un luogo realissimo, contingente, eppure quasi fantasmagorico, segnato da una cultura al ribasso, che propone speranze a ogni cantone, solo per il gusto di vederle sfiorire. Ernesto è un killer. Un uomo buono. Cattivissimo. Con una sensibilità molto spiccata. Un uomo che ha vissuto un’infanzia povera di prospettive, un’adolescenza infame, una giovinezza sonnolenta e poi d’improvviso gagliarda, fino al giorno della sua morte. Parla soprattutto dell’impossibilità della redenzione, ché la parola redenzione, a volerci ragionare, è la parola più distante dalla parola redenzione, poiché propone un antidoto alla colpa, la assoggetta a una miriade di attenuanti, la sotterra, la dimentica. E invece la colpa andrebbe annoverata, sempre, ed esposta in bella mostra fra i fallimenti dell’esistenza, presa di petto, colpita ai fianchi, affinché non si abbiano sconti in qualsiasi futuro immaginiamo di dover ancora vivere.

Rosario Palazzolo, palermitano classe 1972, è un drammaturgo, scrittore, regista e attore. Per il teatro ha scritto più di 22 testi, tra cui, i tre atti della Trilugia dell’impossibilità: Ouminicch’, Manichìni e ‘A Cirimonia, con cui ha vinto il 18° Festival Internazionale del Teatro di Lugano e la Menzione speciale premio In-box (Siena, 2010). Per la narrativa ha scritto: L’ammazzatore, Concetto al buio, Cattiverìa, Iddi – Trittico dell’ironia e della disperazione e Santa Samantha Vs – sciagura in tre mosse. Ha fondato e diretto la Compagnia del Tratto, per la quale ha scritto e diretto, fra gli altri, una decina di spettacoli per ragazzi. Lo scorso 23 gennaio ha pubblicato per Arkadia editore il romanzo La vita schifa.  

L’Ammazzatore
di Rosario Palazzolo
con Rosario Palazzolo e Salvatore Nocera
regia Giuseppe Cutino
scena e costumi Daniela Cernigliaro
disegno luci Petra Trombini
aiuto regia Simona Sciarabba

produzione A.C.T.I. Teatro Indipendente / Teatro Biondo Palermo
in collaborazione con Teatrino Controverso / T22 / M’Arte Movimenti d’Arte

Teatro  Regina Margherita

Botteghino
Aperto da lunedì a venerdì ore 10-13, lunedì e mercoledì anche ore 16- 18

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy