SOS 640. “Si rischia calamità”. Coro unanime di istituzioni, sindacati, imprese e cittadini: in programma una manifestazione – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

SOS 640. “Si rischia calamità”. Coro unanime di istituzioni, sindacati, imprese e cittadini: in programma una manifestazione

Condividi questo articolo.

Sindacati, imprese, comitati di quartiere e istituzioni riuniti allo stesso tavolo per condividere le iniziative da intraprendere per sollecitare soluzioni e risposte di fronte allo stallo del cantiere per il raddoppio della Ss640. Questi i presupposti dell’incontro tenutosi lunedì sera a Palazzo del Carmine a cui hanno preso parte il sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo, il sindaco ed il vicesindaco di Santa Caterina, Antonio Fiaccato e Agatino Macaluso, i rappresentanti dei comitati di quartiere: Santino Gatto, Giacomo Tuccio, Giuseppe Scarpulla, Vincenzo Sena; i promotori del comitato delle imprese creditrici Vito Lo Piccolo, Salvatore Giglio, Aldo Gelso; i rappresentanti sindacali Angelo Casale e Giuseppe Cassarino della Fillea Cgil, Nunzio Mangione della Filca Cisl e Francesco Mudaro della Feneal Uil, in rappresentanza dei segretari generali di categoria dei tre sindacati Francesco Cosca, Francesco Iudici e Dathan Di Dio che hanno condiviso le conclusioni.

“Nonostante i ripetuti appelli al Governo e alla Regione ad oggi dobbiamo rilevare il silenzio più totale in termini di proposte e soluzioni per i cittadini e le imprese. Tutti sentiamo il peso della situazione e abbiamo l’onere di rappresentare questo disagio dal momento che a Caltanissetta per la prima volta nasce un tavolo a cui prendono parte cittadini, istituzioni, lavoratori e imprenditori”, ha detto il sindaco, Giovanni Ruvolo. Tutti i partecipanti al tavolo hanno concordato di organizzare una manifestazione unitaria e pacifica per le vie della città per chiedere in modo compatto la ripresa dei lavori, il completamento dell’opera e l’impiego delle maestranze, il pagamento dei fornitori per evitare il default delle aziende creditrici, la realizzazione delle opere di compensazione. I sindacati hanno sottolineato la fase interlocutoria per i lavoratori alla luce dell’incontro che si terrà giorno 16 gennaio al ministero per lo Sviluppo economico. “In quella sede si potrà meglio comprendere in quale direzione intendono andare il Governo e l’Anas e di conseguenza assumere le decisioni a tutela degli operai. Sin d’ora, comunque, aderiamo alla proposta di una manifestazione perché le istanze riguardano da vicino il mondo del lavoro”, hanno detto i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil.

Al tavolo è intervenuto il sindaco di Santa Caterina, Antonio Fiaccato, anche in rappresentanza degli altri colleghi dei piccoli comuni interessati dai lavori del raddoppio. “Un’opera infrastrutturale che doveva essere il cuore pulsante dell’economia della Sicilia, è diventata un malato da rianimare – ha detto Fiaccato -. Se Caltanissetta non cresce tutti i comuni ne risentono in maniera devastante”.

Durante l’incontro è stata ribadita solidarietà e vicinanza alle imprese e ai lavoratori ed è stato unanimemente affermato il rischio di una calamità sociale ed economica qualora la problematica non venga avviata a soluzione.

Sabato 19 gennaio su iniziativa dei sindaci di Caltanissetta e Agrigento è in programma un’assemblea di tutti i sindaci delle città in cui ricadono i lavori per il raddoppio della Ss640 e della Ss189 Agrigento-Palermo. L’iniziativa ha lo scopo di promuovere un’azione coordinata tra i rappresentanti di un vasto territorio del centro Sicilia. L’incontro si terrà alle 11,00 al municipio di Agrigento.

Lunedì 21 gennaio alle 11,00 tornerà invece a riunirsi a Caltanissetta il tavolo tra sindaci, sindacati, imprese e comitati di quartiere per stabilire data e modalità della manifestazione che potrebbe tenersi tra fine gennaio ed inizio febbraio nel capoluogo nisseno.

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy