San Cataldo, Maria Teresa si sarebbe uccisa: l’autopsia chiude il cerchio? – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

San Cataldo, Maria Teresa si sarebbe uccisa: l’autopsia chiude il cerchio?

Condividi questo articolo.

L’esame necroscopico eseguito ieri mattina al “S. Elia” non lascerebbe dubbi: sul corpo nessun segno di colluttazione

 

Il cerchio sembra chiuso. Maria Teresa Torregrossa si sarebbe tolta la vita. Questo pare essere l’esito dell’autopsia eseguita ieri mattina sul corpo della donna di 54 anni, che domenica scorsa aveva fatto perdere le proprie tracce e che martedì è stata rinvenuta cadavere, con un coltello conficcato nel petto, in una cunetta a bordo strada nella zona di “San Catalluzzu”, a metà strada tra Portella Bifuto e via Beppe Montana. L’esame autoptico è stato effettuato all’obitorio dell’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta dal medico legale dott. Cataldo Raffino; ha partecipato anche il dott. Roberto Guarino di Palermo, in qualità di consulente della parte offesa, cioè il marito della donna, Calogero Cagnina ed i figli Noemi e Gianluca, incaricato dai legali della famiglia, gli avvocati Salvatore Falzone e Antonino Falzone; era presente al “Sant’Elia” anche l’avv. Nuccio Sollami, incaricato dal fratello di Maria Teresa, Antonino Torregrossa.

Cosa fa propendere per il suicidio? Chi ha esaminato la salma pare aver avuto pochi dubbi: la lama che ha ucciso la donna (si tratterebbe di un coltello da cucina di cui però ancora non si conoscerebbe la provenienza) è arrivata dritta al cuore. Sul corpo non sarebbero emersi segni di violenza o di colluttazione e relativi tentativi di difesa da parte della donna; nessun livido o ecchimosi. Avrebbe presentato, invece, dei taglietti sulle vene dei polsi. Da capire se vi fossero altre incisioni, cosiddetti colpi da “assaggio”. La relazione completa sull’autopsia è attesa entro 60 giorni.

Una settimana addietro il marito aveva dato l’allarme riguardo la scomparsa di Maria Teresa Torregrossa, dopo che al risveglio (ore 7 del mattino), non l’aveva trovata accanto a sé. Gli spostamenti della donna erano stati ricostruiti tramite le telecamere di videosorveglianza posizionate nelle diverse zone di San Cataldo. Così, pare che la casalinga si fosse allontanata dalla propria abitazione di viale Italia intorno alle ore 6.10, giungendo poi a Portella Bifuto (distante circa oltre un chilometro) poco dopo le 6.30, sembra portando con sé un sacchetto di plastica. Come riferito dai volontari che hanno trovato il cadavere, anche ai vari inviati delle trasmissioni televisive giunti in città per approfondire quello che appariva come un “giallo”, Maria Teresa Torregrossa è stata ritrovata senza vita intorno alle 20.05 di martedì: è stato spiegato che indossava giubbotto, maglietta, pantaloni del pigiama e ciabatte.

In questi giorni, gli inquirenti hanno mantenuto il massimo riserbo sulle indagini. A seguito dell’esame autoptico di ieri, è stata disposta la restituzione della salma alla famiglia. I funerali di Maria Teresa Torregrossa si celebreranno martedì alle ore 16, nella chiesa Cristo Re, quella che la donna frequentava da bambina.

 

(https://www.lasicilia.it/news/caltanissetta/191868/san-cataldo-maria-teresa-si-sarebbe-uccisa-l-autopsia-chiude-il-cerchio.html – articolo di Claudio Costanzo)

 

Ti può interessare anche:

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy