Blitz “Pandora” a San Cataldo. Domiciliari confermati per l’ex capo Utc Paolo Iannello, respinta l’accusa di mafia – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Blitz “Pandora” a San Cataldo. Domiciliari confermati per l’ex capo Utc Paolo Iannello, respinta l’accusa di mafia

Condividi questo articolo.

Le misure cautelari rimangono quelle stabilite dal gip: arresti domiciliari per l’ex capo dell’Ufficio tecnico comunale di San Cataldo Paolo Iannello – un tempo anche ex presidente del Consiglio comunale di Caltanissetta – e l’obbligo di presentarsi ai carabinieri due volte a settimana per il figlio Davide Francesco Iannello. Questo hanno deciso i giudici del Tribunale del riesame di Caltanissetta nel rivedere gli atti dell’inchiesta “Pandora”, con cui i carabinieri hanno fatto luce sui presunti contatti tra mafia e pubblica amministrazione e sulle sospette irregolarità nella gestione degli appalti a San Cataldo.

I giudici hanno però respinto l’appello della Procura nissena con cui la pm Elena Caruso ha chiesto che a Iannello fosse riconosciuta l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Decisione in linea con quella presa pochi giorni fa nei confronti dell’imprenditore sancataldese Liborio Lipari, visto che anche a quest’ultimo non è stata riconosciuta l’accusa di mafia. Sempre sulla posizione di Paolo Iannello i giudici hanno deciso di derubricare le accuse di corruzione e turbativa d’asta – per le presunte irregolarità nell’affidamento della gestione del servizio di raccolta rifiuti all’azienda di Lipari – in quella di istigazione alla corruzione. Derubricazione che vale anche per Davide Iannello, accusato a sua volta per questi fatti, mentre per entrambi sono state confermate le accuse di corruzione sulle sospette raccomandazioni per far si che la nuora di Paolo Iannello ottenesse un posto di lavoro e che lo stesso Davide Iannello ottenesse alcuni incarichi.

Gli avvocati difensori Michele Micalizzi, Antonio Impellizzeri e Francesco Augello avevano chiesto la revoca delle misure cautelari tramite l’annullamento dell’ordinanza e che l’appello della Procura sulle accuse di mafia fosse respinto.

 

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.