Studenti di San Cataldo scrivono a Nadia Murad: “Il tuo impegno per i diritti umani sia da esempio per una società senza discriminazioni” – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Studenti di San Cataldo scrivono a Nadia Murad: “Il tuo impegno per i diritti umani sia da esempio per una società senza discriminazioni”

Condividi questo articolo.

I ragazzi della Terza D della scuola “Giosuè Carducci” di San Cataldo (nella foto in apertura) hanno approfondito la vicenda dell’attivista irachena Nadia Murad, 25 anni (nella foto in basso), e hanno quindi deciso di scrivere una lettera indirizzata alla giovane irachena, che pubblichiamo di seguito. Nel 2014, la sua vita, fino a quel momento serena, è stata sconvolta: i miliziani dell’Isis, dopo aver ucciso gli uomini che si rifiutavano di convertirsi all’islam, hanno catturato le donne e i bambini e li hanno portati nella città di Mosul. Nadia è stata picchiata, ustionata con mozziconi di sigarette e resa schiava del sesso. Dopo tre mesi è riuscita a fuggire, ha raggiunto la Germania, denunciato e reso pubblico quello che aveva subito insieme ad altre ragazze. Nel 2016 ha vinto il premio Sakharov per la libertà di pensiero e il 5 ottobre 2018 a Oslo è stata insignita del premio Nobel per la Pace per il suo instancabile impegno in difesa del suo popolo.

Carissima e stimatissima Nadia,

siamo gli alunni della classe 3ª D della Scuola Secondaria di Primo Grado “Giosuè Carducci” di San Cataldo, provincia di Caltanissetta, in questi giorni abbiamo molto sentito parlare di te e della tua triste storia e abbiamo deciso di scriverti questa lettera, che speriamo ti arrivi, per dirti che siamo solidali con te.

Ti ammiriamo molto per il tuo coraggio e la tua determinazione. Con tutte le tue forze hai reagito, lottato e ce l’hai fatta. Ti sei liberata, ma non fermata e hai continuato a lottare per liberare anche le altre ragazze dalla schiavitù. Per questo ti siamo grati e vogliamo far conoscere la tua storia a quanti ancora non sanno chi tu sia.

Cara Nadia, quello che hai passato non ti ha reso più debole ma forte e ti ha permesso di rialzarti, di lottare e di cercare di lasciarti alle spalle l’orrore che il crudele destino ti aveva inflitto. Per tutti noi, sei e sarai un esempio. Certo, è vero, noi ragazzi, che per fortuna viviamo in un Paese democratico lontano dalle guerre e non stiamo vivendo quello che tu hai vissuto, siamo impotenti, ma questo non vuol dire che non siamo sensibili e così, anche noi, vogliamo dare “voce” alla tua triste storia e aiutarti nella dura battaglia che, come attivista per i diritti umani, hai intrapreso contro uomini senza scrupoli che ogni giorno fanno soprusi a migliaia di uomini, donne e bambini innocenti. Ti sosteniamo e insieme con te “sogniamo che i Paesi di tutto il mondo si uniscano per fermare l’Isis e liberare tutte le donne ancora schiave dello Stato islamico”. Solo così, forse, un giorno, potremmo avere una società più giusta e senza discriminazioni.

Felici di una tua corrispondenza, prima di congedarci, vogliamo ringraziare il nostro dirigente scolastico Antonio Diblio, la nostra insegnante Sonia Lipani, che ci ha parlato di te e ci ha aiutati a scrivere questa lettera, e per ultimo, ma non per questo meno importanti, vogliamo ringraziare voi lettori che gradirete leggere questo nostro scritto.

Con affetto,

gli alunni della classe 3ª D indirizzo musicale

 

 

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy