Sentenza Montante. Il Comune parte civile: “Riconosciuto danno alla città, risarcimento vada a sostegno delle imprese” - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Sentenza Montante. Il Comune parte civile: “Riconosciuto danno alla città, risarcimento vada a sostegno delle imprese”

Condividi questo articolo.

“L’attività della magistratura ha chiuso la prima fase con il primo grado di giudizio. Viene riconosciuto il danno alla città, non soltanto in termini d’immagine ma soprattutto per la mancanza di chances concesse a molti imprenditori che venivano esclusi o addirittura danneggiati”. Lo afferma il sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo, dopo la sentenza di condanna dell’ex presidente di Confindustria Sicilia, Antonello Montante, giunta al termine del processo con il rito abbreviato davanti al Gup del Tribunale di Caltanissetta, Graziella Luparello, che ha stabilito un risarcimento in favore del Comune di Caltanissetta pari a 70mila euro, il più alto tra le parti civili ammesse al dibattimento.

“La scelta di costituirci parte civile derivava da una forte determinazione di un’amministrazione comunale che non ha mai avuto nulla in comune con questo sistema e con i personaggi che vi ruotavano intorno – aggiunge Ruvolo -. La città è stata ingannata con il miraggio della zona franca che avrebbe dovuto aiutare l’economia a liberarsi da condizionamenti ma che di fatto non è stata mai finanziata. Auspichiamo che questo risarcimento sia utilizzato a sostegno delle imprese nissene per quanto di competenza dell’amministrazione comunale”.

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campagna di prevenzione Asp2: screening ginecologico (donna 25-64 anni), mammografico (donna 50-69 anni) e del colon retto (uomo-donna 50-69 anni).

Campagna informativa dell'Asp a pagamento

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy