Petrantoni (Caltanissetta Protagonista): “Stadio Tomaselli chiuso. Amministrazione immobile” – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Petrantoni (Caltanissetta Protagonista): “Stadio Tomaselli chiuso. Amministrazione immobile”

Condividi questo articolo.

Riportiamo di seguito, integralmente, una nota firmata dal consigliere comunale di Caltanissetta Protagonista Toti Petrantoni

È notizia di oggi che anche lo stadio Tomaselli presenta enormi problematiche tali da indurre la F.I.G.C. a dichiarare lo stesso “NON IDONEO allo svolgimento delle partite federali”. Lo stadio Palmintelli il 12 ottobre, subiva l’ennesima chiusura forzata, la società Sport Club Nissa 1962, infatti, rendeva noto che la Commissione per la sicurezza degli impianti sportivi , dopo la verifica sul campo, né dichiarava “L’INABILITÀ’ ”, facendo disputare le gare a porte chiuse, con un evidente umiliazione non solo delle società sportive, ma anche delle famiglie dei ragazzi e degli stessi piccoli calciatori che devono disputare la gara senza il sostegno degli amici e dei tifosi nisseni. Insomma una mortificazione per l’intera città capoluogo. Abbiamo letto tutti, rimanendone sconcertati, come l’Amministrazione Ruvolo non riesca ad assegnare la gestione dell’impianto sportivo “Michele Amari” di Via Portella della Ginestra. Infatti, anche la nuova gara che si è svolta pochi giorni fa (la terza), è andata deserta per mancanza di partecipanti; probabilmente gli oneri previsti nella gara per l’eventuale aggiudicatario sono esagerati per la situazione economica in cui versano attualmente le società sportive nissene, ma questo, il Sindaco e l’Assessore Campione provenienti dal pianeta Marte non lo sanno! Impianto, vorrei ricordare, che sino a qualche anno fa era una vera“bomboniera” , dava la possibilità a molti sportivi, a tanti ragazzi, anche e soprattutto con gravi disagi economici e familiari, di utilizzare il campetto, in quanto, lo stesso, veniva concesso all’utilizzo di varie associazioni e comunità della città che lavorano sul sociale. Cosa dire del “Pala Milan” ai più noto come Palestra Chiarandà? Credito sportivo di 150.000€ con procedura avviata nel Marzo del 2015 , finanziamento ottenuto in Giugno 2016, siamo oggi nell’Ottobre del 2018 e non si capisce la motivazione del perché non inizino i lavori di manutenzione e le migliorie in progetto. In ultimo, la “perla” dell’amministrazione Ruvolo. Il campetto di Via Dalmazia. Fermo al palo da anni. Dopo un primo affidamento in epoca Campisi alla FIPAV, con l’impegno in gestione di sistemare il campo da gioco e dare il lustro che meriterebbe quel campetto, che ha formato migliaia di giovani nisseni allo sport e nello specifico alla pallacanestro, il nulla. Era il 2014, appena iniziata la legislatura Ruvolo e il sottoscritto interrogava il Sindaco per avere chiarimenti e stimolare la ripresa dei lavori di manutenzione e riaprire il campetto di quartiere alla normale fruizione dei ragazzi. Interrogazione sollecitata dopo qualche anno, ma con lo sto stesso risultato, e cioè, una stasi ed un immobilismo pazzesco. Ho letto che il campetto è stato inserito il 10/08/2018 nell’elenco delle domande ammissibili e non ricevibili alla fase di valutazione tecnico-finanziaria; bene, il paradosso è che a fronte di un computo metrico sui lavori per nulla esoso o trascendentale, una cordata di imprenditori ha già raccolto del denaro di gran lunga superiore ai conteggi previsti, ed è pronto ad elargirlo per la sistemazione in tempi brevissimi del “campetto Croce” di Via Dalmazia, ma l’amministrazione Ruvolo che fa’? Cincischia, inventa frottole addirittura sulla proprietà dello stesso, in sostanza, come loro costume non prende iniziativa. Quando leggiamo sugli organi di stampa le dichiarazioni dell’Assessore al ramo Carlo Campione, che se ne esce con una frase del tipo: “Non sappiamo cosa fare”in riferimento alla procedura di affidamento dei beni sportivi della città, allora, non ci stupiamo più, non ci facciamo più quella grassa risata che ha riempito il nostro volto per questi quattro anni, è finito il tempo dell’ironia e del sarcasmo.

 

 

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy