Mazzarino, commemorati gli otto carabinieri uccisi in contrada Rigiulfo nel 1946 - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Mazzarino, commemorati gli otto carabinieri uccisi in contrada Rigiulfo nel 1946

Condividi questo articolo.

Oggi 28 gennaio, alle ore 10:00, nella caserma della Stazione carabinieri di Mazzarino (CL), è stato commemorato il 73° anniversario della morte di otto militari dell’Arma dei carabinieri trucidati in contrada Rigiulfo, agro del comune di Mazzarino dopo un lungo, penoso peregrinare avvenuto dopo la cattura, avvenuta con l’inganno e soverchiante uso di forza nel territorio di Feudo Nobile, agro di Gela, nel gennaio del 1946. I fatti risalgono agli inizi del 1946, al termine della Seconda guerra mondiale, quando la Sicilia era caratterizzata da fenomeni criminali diffusi di banditismo, spesso ammantati da connotazione politica e/o sotto la bandiera dell’Evis. In memoria degli otto militari dell’Arma dei Carabinieri, trucidati, il Comando generale dell’Arma dei carabinieri ha tributato loro nel 1950 un Encomio solenne e nel 2016 il presidente della Repubblica, su proposta del Ministro della Difesa e del comandante generale, concesso la Medaglia d’Oro al Valore dell’Arma dei carabinieri.

Questi i nomi dei militari: brigadiere Vincenzo Ameduni, carabinieri Vittorio Levico, Emanuele Greco, Pietro Loria, Mario Boscone, Mario Spampinato, Fiorentino Bonfiglio, Mario La Brocca.

Alla cerimonia erano presenti il vice prefetto vicario Signorelli di Caltanissetta, per il distretto giudiziario nisseno i magistrati  Testaquadra e Lo Valvo, per la Questura il vicario Giarda e D’Arrigo, il cap. di Fregata Carbonara per la Capitaneria di Porto di Gela, il sindaco Marino con autorità civili e militari locali e delle altre Forze dell’ordine, i figli del brigadiere Amenduni e la nipote del carabiniere Bonfiglio, caduti nei tragici fatti, numerose scolaresche, militari del Reparto territoriale di Gela in servizio ed in congedo e della rappresentanza militare, numerosi cittadini.

Il comandante Provinciale di Caltanissetta, colonnello Baldassare Daidone, durante la semplice quanto toccante cerimonia, si è rivolto soprattutto ai numerosi giovani studenti, che hanno partecipato con attenzione alla cerimonia, rievocando i cruenti fatti dove furono coinvolti i militari caduti, perché possano farsi portatori, oltre all’Arma, come semplici cittadini di domani, di conoscenza per capire da dove veniamo ed avere memoria per non ricommettere gli stessi errori.

Presso il monumento, ubicato all’interno della caserma di Mazzarino, in loro memoria è stata deposta una corona di alloro donata dalla locale Amministrazione comunale.

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy