Caltanissetta. "Non minacciò Elisa Ingala". Assolto funzionario Ato rifiuti - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Caltanissetta. “Non minacciò Elisa Ingala”. Assolto funzionario Ato rifiuti

Condividi questo articolo.

Il giudice monocratico di Caltanissetta Giuseppina Figliola ha assolto il funzionario dell’Ato rifiuti Vincenzo Nicoletti, 63 anni, di Santa Caterina dall’accusa di avere minacciato la liquidatrice dell’ente Elisa Ingala.

Secondo l’accusa Nicoletti voleva riottenere l’incarico di responsabile finanziario dell’ente, dal quale era stato sollevato su disposizione della stessa Elisa Ingala per passare ad altre mansioni. E per convincere la liquidatrice, sempre secondo l’accusa, l’avrebbe minacciata di divulgare le incongruenze nei bilanci dell’ente dal 2008 al 2011. Tutto questo, secondo la denuncia presentata da Elisa Ingala, avvenne il 13 luglio 2013, due giorni prima che l’assemblea dei soci si riunisse per l’approvazione degli stessi bilanci, rimasti in sospeso dopo le vicende che avevano visto coinvolti gli ex vertici del Cda e che ebbero anche altre appendici giudiziarie.

La giudice Figliola, che ha depositato la motivazione insieme al dispositivo di sentenza, ha però stabilito che si trattava di una “condotta arrogante, ma non violenta” e quindi il presupposto del reato di minaccia veniva a mancare. La pm Luana Polizzi aveva chiesto 6 mesi e il legale di parte civile di Elisa Ingala, l’avvocato Diego Perricone, aveva sollecitato il risarcimento danni. A chiedere l’assoluzione, sostenendo che non vi era stata alcuna minaccia, era stato l’avvocato difensore Alberto Fiore.

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy