Giornata della memoria e dell’accoglienza: una cerimonia commemorativa al cimitero Angeli per le vittime dei naufragi - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Giornata della memoria e dell’accoglienza: una cerimonia commemorativa al cimitero Angeli per le vittime dei naufragi

Condividi questo articolo.

Domani alle 10.30 presso il cimitero monumentale Angeli di Caltanissetta ci sarà una celebrazione commemorativa per ricordare le vittime dei naufragi.  Il 3 ottobre è infatti la giornata della memoria e dell’accoglienza, istituita nel 2016 nel giorno che ricorda uno dei naufragi più efferati avvenuti nel mar mediterraneo nel 2013 a Lampedusa. Dal 2016 quindi ricorre per il 3 ottobre la commemorazione di tutti i morti in mare.

L’ufficio Migrantes di Caltanissetta ha deciso di commemorare il giorno con una cerimonia al cimitero Angeli con la collaborazione del Comune di Caltanissetta, la Caritas diocesana di Caltanissetta e l’associazione Figli in Cielo. Nel cimitero Angeli sono dislocate due sezioni che accolgono le sepolture di donne e uomini vittime del naufragio. L’assessore Cettina Andaloro e il direttore del cimitero Angeli Arch. Lo Piano hanno dato l’autorizzazione all’ufficio Migrantes e alla Caritas di Caltanissetta (che sta finanziando l’intervento sulle lapidi) di applicare dei vasetti per dare la possibilità -in questo momento inesistente- di porre dei fiori alle sorelle e ai fratelli morti nel mare mediterraneo. Una piccola installazione per rispettare la dignità della morte umana. La cerimonia si svolgerà rispettando le misure di distanziamento sociale e l’obbligo dell’utilizzo della mascherina, così come previsto dalla norme di sicurezza anti covid.

L’associazione Figli in Cielo, nella persona di Lucia Cosentino (Responsabile), si impegna a mantener viva l’attenzione anche nei giorni futuri prendendo cura dei “figli” senza nome scomparsi nel mar mediterraneo, adottandoli come figli propri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy