Diritto allo studio, buone notizie con nuova legge ma secondo i sindacati occorre fare di più - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Diritto allo studio, buone notizie con nuova legge ma secondo i sindacati occorre fare di più

Condividi questo articolo.
“Accogliamo positivamente l’intenzione del governo e della maggioranza regionali di approvare una legge sul diritto allo studio, come abbiamo chiesto più volte. In questo modo si colmerebbe un vuoto normativo che dura da troppo tempo. Tuttavia la legge proposta rischia di rimanere una mera dichiarazione di intenti, perché non stanzia un solo euro per la sua stessa attuazione”. Lo dicono in una nota congiunta i segretari regionali di Flc Cgil, Graziamaria Pistorino, Cisl Scuola, Francesca Bellia, e Uil Scuola, Claudio Parasporo, che oggi sono stati auditi dalla V Commissione dell’Ars, Cultura, Formazione e Lavoro.
“Ad esempio – spiegano – la legge dice che la regione siciliana intende occuparsi del settore 0-6 senza però specificare come raccordarsi con i comuni e il Miur. Lo stesso fa sul tempo pieno per il quale prevede soltanto degli interventi sperimentali in favore di studenti residenti in aree di marginalità geografica e/o ad elevato degrado sociale, quando invece potrebbe essere già finanziato dal Miur in tutte le scuole dell’isola se solo la regione offrisse adeguate coperture economiche per l’erogazione dei servizi di mensa e di trasporto degli studenti”.
“Anche sull’edilizia scolastica – aggiungono Pistorino, Bellia e Parasporo – che rappresenta l’altra piaga della scuola siciliana, si fa riferimento nella legge alla predisposizione di un piano triennale di interventi da finanziare attingendo a non meglio specificate risorse statali e comunitarie. Viste le condizioni in cui versano gli edifici scolastici ci aspettiamo riferimenti più precisi e dettagliati”.
“Infine – concludono – è del tutto incomprensibile, oltre che fortemente lesiva delle nostre prerogative, la disposizione che individua presso la Consulta regionale per il diritto allo studio un solo rappresentante per tutte le organizzazioni sindacali. Un scelta che mortifica il ruolo della rappresentanza, limitando fortemente il contributo degli attori sociali al miglioramento della scuola e dell’università in Sicilia”.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.



Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it
Ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy