Chiesto l’ergastolo per il mazzarinese Siciliano: “Partecipò alla strage di Vittoria” – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Chiesto l’ergastolo per il mazzarinese Siciliano: “Partecipò alla strage di Vittoria”

Condividi questo articolo.

Per la Procura generale di Catania va confermata la condanna all’ergastolo per Salvatore Siciliano, 54 anni, esponente della mafia di Mazzarino, accusato di avere preso parte all’attentato compiuto il 2 gennaio ’99 nel bar Esso di Vittoria, quando un commando di killer uccise cinque persone, scaricando una pioggia di colpi di arma da fuoco sul boss di Vittoria Angelo Mirabella e quattro clienti del locale: Claudia Motta, Emanuele Nobile, Rosario Salerno e Salvatore Ottone.

Tre anni fa Siciliano, che ha scelto il rito abbreviato, si era visto infliggere il carcere a vita dal gup di Catania Giovanni Cariolo e adesso l’accusa ha chiesto che quella sentenza venga confermata dalla Corte d’assise d’appello etnea.

Siciliano, in primo grado, era accusato anche di associazione mafiosa, ma venne assolto per “ne bis in idem”, ovvero per quel principio secondo il quale nessun cittadino può essere processato due volte per lo stesso reato. E Siciliano è già stato condannato in passato come affiliato mafioso per il periodo in cui venne commessa la strage. In abbreviato era imputato per omicidio anche il riesino Orazio Buonprincipio, 50 anni, ma fu assolto in primo grado e non essendo stato presentato appello quel verdetto adesso è definitivo.

Secondo l’accusa la strage venne commessa su ordine della famiglia mafiosa Emmanuello di Gela in quanto Mirabella non avrebbe rispettato i patti secondo i quali l cosca gelese e quella di Vittoria dovevano dividere i proventi degli affari illegali. Mirabella, invece, avrebbe iniziato a interessarsi degli affari degli Emmanuello e da lì sarebbe scaturita la decisione di ucciderlo.

I gelesi si rivolsero, per pianificare ed eseguire il delitto, ad alcune famiglie alleate, comprese quelle di Mazzarino e Gela. Siciliano avrebbe pianificato l’agguato a Mirabella, mentre Buonprincipio avrebbe partecipato alle riunioni per studiare le varie fasi dell’agguato. A dicembre si tornerà in aula per le conclusioni dell’avvocato difensore Ernesto Brivido; poi i giudici entreranno in camera di consiglio per emettere la sentenza.

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy