Zes, Virzì (Assioe): "La Regione siciliana potrebbe includere anche le aree di San Cataldo Scalo e c.da Grottadacqua" - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Zes, Virzì (Assioe): “La Regione siciliana potrebbe includere anche le aree di San Cataldo Scalo e c.da Grottadacqua”

Condividi questo articolo.

Di seguito la nota del presidente Assioe Salvatore Carmelo Virzì sulla Zes e la mancata inclusione della zona industriale di San Cataldo Scalo e di Grottadacqua.

L’Assioe (Associazione di imprenditori ed operatori economici) fa proprie le riflessioni dall’avv. Salvatore Licata su come il Governo regionale sta gestendo la perimetrazione delle Zes nel nisseno dove, ad oggi, risulta inclusa la sola area industriale di c.da Calderaro, restando invece escluse fondamentali aree come quella di San Cataldo Scalo e di Grottadacqua che rappresentano, insieme alla prima, un unico bacino produttivo che non può essere sezionato e/o parcellizzato.

Nell’area industriale di San Cataldo Scalo, ricadente interamente nel territorio di Caltanissetta, insistono tantissime attività produttive, molte delle quali tecnologicamente all’avanguardia e che esportano all’estero, che non possono essere escluse da un processo di sviluppo sulla scorta di una decisione arbitraria, priva di un criterio selettivo ben motivato.

Così come l’area di c.da Grottadacqua, in maniera del tutto naturale, rappresenta la zona di espansione del mondo produttivo proveniente, oltre che dalle città di Caltanissetta e San Cataldo, anche da territori come il Vallone ( l’area in argomento ricade nel territorio di Serradifalco), l’agrigentino nord orientale con a capo il comune di Canicattì, ed il centro della provincia nissena, rappresentata da importanti comuni quali Delia e Sommatino.

L’Assioe stigmatizza l’approccio utilizzato dal Governo regionale nella perimetrazione delle Zes perché, come chi si mostra debole con i forti e forte con i deboli, ha favorito le aree più ricche concedendo solamente dei contentini alle aree della Sicilia rimaste indietro sulle quali, al contrario, la Politica dovrebbe scommettere concentrando tutte le sue forze.

Piuttosto che fare un bando rivolto ai Comuni per distribuire cinque chilometri quadrati di Zes, quando più di cinquanta chilometri quadrati sono stati già individuati con una scelta politica i cui criteri non sono stati palesati, la Regione siciliana, assumendosene la responsabilità, potrebbe più coraggiosamente distribuire questi ultimi spazi disponibili alle aree più depresse della Sicilia, includendo quindi anche quelle di San Cataldo Scalo e c.da Grottadacqua.

La delicatezza e straordinaria importanza dell’argomento, che dovrebbe implicare il protagonismo dell’imprenditoria nissena, vede invece la scandalosa assenza di enti rappresentativi del settore, quale l’Irsap e la Camera di commercio.

Dalla deputazione del territorio, di cui ad oggi vi è stato silenzio, ci si aspetta un sussulto ed una “presa in carico” della problematica.

Un segnale positivo arriva dal sindaco di Caltanissetta il quale pubblicamente si è impegnato a portare avanti la battaglia per l’inserimento tra le aree Zes della zona industriale di San Cataldo Scalo. Un segnale di buona volontà lo attendiamo dal sindaco di Serradifalco per c.da Grottadacqua e da tutte quelle amministrazioni comunali che anche indirettamente sono interessate alla causa.

Noi imprenditori e operatori economici, dal canto nostro, esprimiamo sin d’ora la volontà di dire la nostra e di collaborare con tutti coloro che vorranno portare avanti le istanze dell’imprenditoria e dello sviluppo del nostro territori

 

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy