Saccahetti bio, Codacons diffida il Ministero della Salute – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Saccahetti bio, Codacons diffida il Ministero della Salute

Se ti e' piaciuto questo articolo, condividilo.

“Emetta subito circolare che permette portare da casa shopper”

 

Una formale diffida al Ministero della salute affinché emetta subito la circolare sui sacchetti della spesa per frutta e verdura attesa da ben 4 mesi. La annuncia il Codacons, dopo il parere emesso ieri dal Consiglio di Stato che autorizza i consumatori ad utilizzare nei supermercati shopper portati da casa.

“L’assurdo ritardo del Ministero nel diramare la circolare in questione sta danneggiando pesantemente gli utenti e per questo, se entro pochi giorni il dicastero non provvederà a quanto richiesto, scatterà la denuncia del Codacons per omissione di atti d’ufficio – spiega il segretario nazionale Francesco Tanasi – Tutti i pareri degli organi di giustizia sono concordi nell’affermare che i consumatori possono portare da casa sacchetti per imbustare frutta e verdura nei supermercati, ma senza la circolare del Ministero non è possibile per gli utenti far valere il proprio diritto”.

“Uno stallo assurdo che genera anche situazioni di illegalità – prosegue Tanasi – Molti supermercati addebitano il costo del sacchetto direttamente sullo scontrino nel momento in cui viene pesata la merce, anche se lo shopper non viene utilizzato, ad esempio quando si acquista un ananas o una mela sfusa apponendo lo scontrino direttamente sul frutto. Ciò comporta una violazione dei diritti degli utenti e un aggravio dei costi a carico dei consumatori di cui il Ministero della salute dovrà rispondere se non emetterà l’attesa circolare sui sacchetti portati da casa” – conclude il segretario nazionale Codacons.

 

(Foto Il Sole 24 Ore)

Se ti e' piaciuto questo articolo, condividilo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *