Il disinteresse dei cittadini verso la politica - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Il disinteresse dei cittadini verso la politica

Condividi questo articolo.
5/5 - (1 vote)

La crisi dei valori verso la politica partecipata, oggi vede una buona percentuale di cittadini non recarsi più alle urne come una volta, il motivo principale è da ricercare in un atteggiamento di sostanziale sfiducia verso il potere politico, le istituzioni, i rappresentanti del popolo eletti e quelli nominati. Coloro che ritengono ciò, non sono né da criticare, né da condannare; infatti, questa sfiducia è del tutto giustificata, anche se ormai non vi sono più quelle personalità politiche forte di un tempo che erano realmente interessate a governare un paese per il bene della comunità e non per il soddisfacimento dei bisogni personali; ecco perché un scelta deve essere fatta, dato che non è certo positivo lasciare che gli altri decidano per noi. L’astensione al voto e quindi alla vita politica è sinonimo di un completo disinteresse per ciò che accade attorno a noi, dove ogni giorno di più si sente e si vede la ripresa frenetica di attività illecite in danno alla collettività da parte dei politicanti. Quel sistema che sembrava essere stato debellato, è ritornato più forte di prima; appropriazione indebita del pubblico denaro, interessi privati in atti d’ufficio, peculato e concussione è il pane quotidiano per le stanze della pubblica amministrazione. Delitti definiti contro il patrimonio pubblico, dei Comuni e della povera gente che non riesce a sopravvivere e soffre ogni giorno di più, mentre c’è chi si arricchisce con il pubblico denaro. In questo sporco gioco, troviamo nell’elenco e a pieno titolo i nostri rappresentanti eletti. E se un tempo si operava in silenzio e di nascosto, oggi è come se lo Stato democratico acconsentisse a una sorta d’immunità a tutti i livelli ai corrotti e ai corruttori. Non esiste più la questione morale, l’obbligo della pubblica amministrazione, e non solo, è quella di garantire a tutti i cittadini pari diritti, doveri e condizioni.

Caltanissetta lì, 17/11/2017                                                                             Carlo Sorbetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy