Emilio Greco: la figura umana oltre ogni tempo - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

In cosa consiste l'espressione dell'uomo? Qual è il mezzo essenziale per la propria relazione/correlazione con il tutto? Ebbene, la sinestesia.
L'esperienza dell'immagine e della parola hanno condotto l'essere umano alla propria unicità di specie.
Il titolo di questa rubrica vuol essere il sodalizio tracotante di queste due potenze espressive che da una parte folgorano lo sguardo e dall'altro scalfiscono la memoria in una danza emozionale che costruisce la persona e il proprio Io.
Un viaggio poliedrico attraverso arte, fotografia, parole, personaggi, storie, filmati, pensiero.

Emilio Greco: la figura umana oltre ogni tempo

Condividi questo articolo.

Giungendo ad Orvieto non passa inosservata la porta titanica della cattedrale. Potente, grida un urlo univoco: Emilio Greco. Accarezzarla turba e possiede, percorrendo con le dita gli spessori e gli anfratti, sembra quasi di accarezzarne le ombre e le luci.

Tracotante la visita al suo museo, imponente, pieno, vertiginoso. Passeggiando tra i percorsi il respiro si ferma ed il languore assale ogni percezione. La scultura richiama il silenzio, la presenza.

La Donna è musa ispiratrice, continuamente scomposta e analizzata nelle sue potenzialità espressive, il rigore femminile si affianca ad una narrazione e tecnica raffinata in un consapevole dominio della materia. “Predilige i nudi femminili pieni e sinuosi, tondeggianti, volumetrici, torniti da una luce che ne pone in risalto i contrapposti della posa, ne evidenzia le ombre ed esalta le modulazioni luministiche. Il gioco chiaroscurale e la sintesi dei volumi anatomici sono caratteristici della sua opera nell’alternanza di lisce superfici riflettenti luce ed altre scabre che invece l’assorbono”. Greco rende la figura implosiva, raggomitolata in sé, accoccolata in un abbraccio con l’alter ego che cela un mondo di fusioni di corpo nel corpo, introversa, torta e posta, in alcuni tratti, su un medesimo piano, invita all’ ammirazione, alla scoperta, alla contemplazione, in quella morbidissima intimità che strugge e accarezza. Le sue bagnanti, spirali di carne in torsioni estreme e originalissime, sembrano volgere lo sguardo dietro di sé per poi ritornare in uno sguardo introspettivo a palpebre socchiuse. Si percepisce il desiderio di penetrare dentro quegli scrigni epidermici, alla ricerca di quella interiorità che ciascuno riconosce come propria e la visione si fa interpretazione, proiezione esperienziale, verità personale e allo stesso tempo universale.

E i disegni, superbo tratteggio qualificante la globalità dell’immagine viene riassunto dallo stesso artista per il quale l’arte “nasce da un moto sincero dell’anima, come acqua limpida da una sorgente che non può essere inquinata“. Si può percepire al primo sguardo la sicurezza del gesto, veloce, incisivo, si può ascoltare l’armonioso suono dell’inchiostro e delle mani, dal nero resuscita la luce, le forme, gli amori narrati, orgasmici, pieni di possessiva emotività, eccitano e sussurrano al cuore la bellezza del soma, contrastante e tridimensionale.

La materia sopravvive alle stagioni fugaci rimanendo impressa nel bronzo antropomorfo e sulla carta, eterno letto d’immagine e d’eternità .

Nato a Catania l’11 ottobre 1913 e morto a Roma 1995. Fu titolare della cattedra di Scultura nell’Accademia di Belle Arti a Roma ed insegnò a Monaco e Salisburgo. Artista figurativo, Greco si affermò grazie al gran premio alla Biennale di Venezia del 1956 che, già in vita, lo rese celebre e permise l’acquisizione delle sue opere da parte dei più prestigiosi musei di tutto il mondo: Londra, Pietroburgo, Musei americani, Vaticani fino alle Gallerie d’Arte Moderna di Roma, Venezia, Milano e Firenze.

La sua fu una visione di derivazione classica e rinascimentale, si occupò di scultura, stampe, incisioni ma fu anche scrittore e poeta.

 

Ph Noemi Ballacchino, Orvieto

Immagini disegni, web

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy