Caltanissetta, la Procura non impugna il verdetto: oculista nisseno assolto nel processo d’appello - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Caltanissetta, la Procura non impugna il verdetto: oculista nisseno assolto nel processo d’appello

Condividi questo articolo.

Va in ghiaccio il verdetto assolutorio per un oculista che era finito sotto accusa per truffa, estorsione e peculato. Sì perché adesso è divenuto definitivo. Lui che, a conclusione del primo grado del giudizio, aveva pure rimediato una condanna a poco più di 3 anni e 10 mesi per due delle imputazioni che gli erano state contestate, ossia truffa ed estorsione.
Poi in appello, nel febbraio scorso, è arrivato il colpo di spugna a tutte le accuse e, sovvertendo radicalmente il precedente pronunciamento, il professionista è stato assolto perché «il fatto non sussiste», a fronte di una richiesta, da parte dell’accusa, di confermare la condanna.
Quel verdetto emesso dalla seconda sezione della corte d’Appello presieduta da Maria Carmela Giannazzo (consiglieri Fabio Di Giacomo Barbagallo e Alessandra Giunta) adesso è cristallizzato.
Sì, perché la procura generale non ha impugnato la sentenza di secondo grado emessa dalla Corte, così da renderla ormai immutabile. Nessuna ombra sulla condotta del professionista. Lo ha stabilito, adesso, indelebilmente la giustizia.
Così per l’oculista nisseno sessantanovenne Erminio Vincenzo Amato (difeso dagli avvocati Giuseppe e Francesco Panepinto) che quattro anni fa è finito nei guai per due vicende giudiziarie, differenti tra loro, ma che sono poi confluite nella stesso calderone.
I fatti che sono stati contestati in precedenza al medico risalgono ad un arco temporale abbastanza vasto, compreso nell’intervallo che va dal lontano 2003 fino al 2012
In merito alle ipotesi di truffa e peculato, l’indagine avrebbe preso le mosse dalle denunce presentate da un paio di sue pazienti. Le stesse alle quali – è stata la tesi dei magistrati – avrebbe proposto di risparmiare qualche euro rinunciando alla ricevuta fiscale dopo essersi sottoposte a visita specialistica. A farne le spese sarebbe stata l’Azienda sanitaria provinciale – che, però, non si è costituita parte civile – perché non avrebbe incassato la quota destinata alle casse della sanità pubblica. E di quelle visite mediche sarebbe stata all’oscuro. Ma, nel primo processo, l’oculista è stato riconosciuto responsabile di truffa, ma non di peculato.
Per quanto riguarda il terzo capo, l’estorsione, quella – secondo l’impianto della procura – si sarebbe consumata ai danni dalla sua ex segretaria, più precisamente ex dipendente dello «Studio oculistico dottor Amato srl».
La donna, secondo quanto denunciato, avrebbe subito la cresta in busta paga. Pena il licenziamento. Questo, almeno, quanto ha sostenuto.
E, peraltro, al momento del suo licenziamento – che risalirebbe ai primi mesi del 2008 – sarebbe stata costretta a non chiedere il trattamento di fine rapporto. La prima sentenza ha poi riconosciuto il medico colpevole di estorsione dal 2008 al 2012 , mentre è stato assolto dal 2003 al 2008 .
Poi in appello l’esito del precedente procedimento è stato ribaltato. E ogni contestazione mossa a carico del professionista è finita in una bolla di sapone. Ora quell’assoluzione totale è assolutamente blindata. (Vincenzo Falci, Giornale di Sicilia)

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.



Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it
Ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy