Caltanissetta, anno giudiziario. Il pg Sergio Lari a 360 gradi su mafia, stragi e allarme per i giovani - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Caltanissetta, anno giudiziario. Il pg Sergio Lari a 360 gradi su mafia, stragi e allarme per i giovani

Condividi questo articolo.

Difficoltà economiche, crisi del territorio alla base dei fenomeni criminali, non solo tra i maggiorenni, ma anche tra i minori. Mafia sempre forte e la corruzione che colpisce duramente la pubblica amministrazione. Il procuratore generale di Caltanissetta Sergio Lari ha fatto un’analisi a 360 gradi nella sua relazione per l’inaugurazione dell’anno giudiziario. La sua ultima da dirigente dell’ufficio del sesto piano del palazzo di giustizia, visto che andrà in pensione dal prossimo 4 marzo per avere raggiunto il limite di età di 70 anni.

TANTI I GIOVANI CHE ABBANDONANO LA SICILIA. “Le indagini della magistratura hanno messo in luce fenomeni estesi di illegalità – ha detto il magistrato palermitano – e nel frattempo intere generazioni di giovani, soprattutto del Mezzogiorno, continuano ad abbandonare il nostro territorio alla ricerca di un lavoro o di una formazione universitaria che aiuti a trovare l’agognato impiego lavorativo”.

“Questa situazione – ha proseguito Lari – oltre a privarci delle risorse e delle possibilità di ripresa che potrebbero fornirci le più motivate generazioni giovanili sta sprofondando le fasce più deboli della società. L’economia criminale appare, invece, in controtendenza, mostrandosi capace di produrre sempre maggiore ricchezza, derivante da numerose attività illegali che poi riversa sul mercato con l’effetto di inquinarlo, offrendo denaro e posti di lavoro a giovani e meno giovani in cerca di facili guadagni. Situazione ben visibile anche nel nostro territorio, dove sono sempre pesanti le infiltrazioni mafiose, specie nel territorio di Gela, dove Cosa nostra, Stidda e gruppi criminali minori come il clan Alferi, sono sempre attivi”.

CRIMINALITA’ MINORILE. Anche la criminalità minorile desta allarme sociale. <<Nella relazione del procuratore minorile Laura Vaccaro si legge – ha proseguito Lari – di minorenni coinvolti nella commissione di reati tipici delle organizzazioni criminali di stampo mafioso, di fenomeni di bullismo, aumento dei reati di pornografia minorile e poi le ipotesi di istigazione al suicidio connesse al fenomeno del blue whale>>.

CORRUZIONE. Parlando di corruzione Lari ha detto: “La corruzione è in aumento nel distretto della Corte d’appello di Caltanissetta. Non accenna a diminuire la predazione sistemica delle risorse pubbliche realizzata tramite la corruzione, che sta svuotando le casse delle pubbliche amministrazioni, contribuendo ad accelerare la grave crisi economica che da anni attanaglia il nostro Paese. Ancora una volta, di fronte alla carenza di adeguate forme di controllo da parte degli organi amministrativi, la magistratura resta l’unico baluardo”.

LE STRAGI DEL ’92. Poi anche una parola sulle stragi del ’92, in merito alle indagini e ai processi in corso a Caltanissetta. “L’esito drammatico del primo e del secondo processo per la strage di via D’Amelio deve servirci da monito perché dimostra che il sistema investigativo e giudiziario nel suo complesso non ha funzionato malgrado le numerose garanzie di cui il nostro ordinamento dispone”. Un riferimento chiaro alle condanne ingiuste e ora cancellate dal processo di revisione a Catania, a cui i giudici in passato erano arrivate ritenendo credibili le dichiarazioni del falso pentito Vincenzo Scarantino, al quale è stata riconosciuta, nel processo “Borsellino quater” l’attenuante dell’induzione a mentire. “L’epilogo di questa vicenda deve indurci – ha aggiunto Lari – a riflettere sulla fallacia della giustizia umana e sul rischio sempre incombente dell’errore giudiziario”.

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy