Caltanissetta. Caso Montante, via all’udienza preliminare. L’imprenditore assente in aula – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Caltanissetta. Caso Montante, via all’udienza preliminare. L’imprenditore assente in aula

Condividi questo articolo.

E’ iniziata questa mattina, davanti al gup di Caltanissetta David Salvucci, l’udienza preliminare che vede imputati  l’imprenditore ed ex leader degli industriali siciliani Antonello Montante e altre diciotto persone tra cui figurano suoi collaboratori, componenti delle forze dell’ordine, politici e professionisti accusati di aver creato una sorta di rete di spionaggio per ottenere informazioni sulle indagini in corso a carico dello stesso imprenditore, originario di Serradifalco.

Montante, detenuto nel carcere “Malaspina” di Caltanissetta dopo l’arresto nel blitz della Squadra mobile “Double face”, ha scelto di non assistere all’udienza.  Le richieste di costituzione di parte civile sono state 21 tra cui la Regione siciliana, i Comuni di Palermo e Caltanissetta, i giornalisti Giampiero Casagni e Attilio Bolzoni, il pentito Dario Di Francesco, l’ex assessore e magistrato Nicolò Marino e l’ex sindaco di Racalmuto Salvatore Petrotto, considerati tra gli “spiati” o danneggiati dal sistema Montante. Petrotto ha sostenuto di aver pagato con lo scioglimento per mafia della sua giunta le denunce false di Montante.

Altri quattro imputati – l’ex presidente del Senato Renato Schifani, l’ex direttore dell’Aisi Arturo Esposito, l’imprenditore Massimo Romano e l’avvocato Angelo Cuva – hanno chiesto il giudizio immediato, scelta che permetterebbe loro di saltare l’udienza preliminare. Sulle richieste di costituzione e su quella di immediato deve decidere il gup.

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy