San Cataldo, minorenne sequestrato e picchiato. Indagine chiusa per i quattro sospettati - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

San Cataldo, minorenne sequestrato e picchiato. Indagine chiusa per i quattro sospettati

Condividi questo articolo.

La Procura nissena ha chiuso l’indagine sul sequestro di un minore di San Cataldo che venne picchiato perché accusato di avere riso di uno dei suoi aggressori. Si tratta dei sancataldesi Riccardo Panzarella, 21 anni, Salvatore Lazzara, 19 anni e Mattya Pennino, 19 anni, chiamati a rispondere delle accuse di sequestro di persona e lesioni gravi. Nella vicenda è coinvolto anche un minorenne, che verrà processato dal gup dei minori alla fine di gennaio; trattandosi di un mionre non è possibile pubblicarne il nome. Difensori gli avvocati Gianluca Amico, Massimiliano Bellini, Nuccio Sollami e Boris Pastorello.

Secondo l’accusa a prelevare il minore da un locale del centro di San Cataldo fu Panzarella, convinto che il ragazzo stesse ridendo di lui mentre era in compagnia di amici. Il minore venne trascinato nel garage di Pennino e picchiato da Panzarella con calci e pugni, mentre gli altri, secondo la ricostruzione di magistrati e carabinieri, lo tenevano fermo; a causa delle botte il giovane subì la deviazione del setto nasale e uno sfregio al viso. Inoltre Panzarella lo avrebbe umiliato chiedendogli di baciargli le scarpe. Ora si attende che la pm Sofia Scapellato depositi la richiesta di rinvio a giudizio per i tre maggiorenni e che venga di conseguenza fissata l’udienza preliminare.

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy