Oltraggio alla memoria di Libero Grassi - Aiello (Lega): “Il Comune cambi il nome da Via Libero Grassi a via Discarica a cielo aperto” - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Oltraggio alla memoria di Libero Grassi – Aiello (Lega): “Il Comune cambi il nome da Via Libero Grassi a via Discarica a cielo aperto”

Condividi questo articolo.

“Il Comune non è in grado di onorare le vittime della mafia? Allora cambi il nome da via Libero Grassi a via Discarica a cielo aperto” – così interviene provocatoriamente il capogruppo della Lega a Palazzo del Carmine, Oscar Aiello, a seguito di un nuovo sopralluogo in via Libero Grassi, dove continua ad aumentare l’abbandono di rifiuti speciali, tra i quali pericoloso amianto.

“Avevo effettuato un primo sopralluogo a fine ottobre 2020 – fa sapere Oscar Aiello – e ad una mia Interrogazione l’Amministrazione Gambino rispose che a breve l’area sarebbe stata sottoposta a bonifica. L’ennesima bugia del M5S!! – ribadisce il capogruppo della Lega – Ho effettuato giorni fa un secondo sopralluogo in via Libero Grassi e non solo tutti i rifiuti sono ancora lì, anzi! E’ anche aumentata la presenza di pericolosissimo amianto. Preso atto che l’Amministrazione Gambino non ascolta le proposte della Lega e rimane inadempiente sul fronte della tutela dell’ambiente – conclude Oscar Aiello – valuterò dopo la risposta alla mia seconda Interrogazione se presentare un esposto alla Procura della Repubblica per disastro ambientale”.

A seguito del nuovo sopralluogo in via Libero Grassi il consigliere Oscar Aiello ha presentato una seconda Interrogazione con la quale ha chiesto al sindaco Gambino: Perché a distanza di oltre 3 mesi dall’annunciata bonifica i rifiuti (tra i quali pericoloso amianto) non sono stati rimossi; cosa ha intenzione di fare per contrastare concretamente i reati contro l’ambiente tenuto conto che quanto fatto finora si è dimostrato inefficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy