“La conciliazione tempi lavoro-famiglia ancora la principale causa delle dimissioni delle lavoratrici anche soprattutto in emergenza Covid 19” - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

“La conciliazione tempi lavoro-famiglia ancora la principale causa delle dimissioni delle lavoratrici anche soprattutto in emergenza Covid 19”

Condividi questo articolo.

<<Le dimissioni da lavoro dipendente delle donne nissene nel periodo di emergenza Covid 19 sono 14 su 17, dunque l’82% circa dei provvedimenti di convalida adottati dall’Ispettorato del Lavoro di Caltanissetta, e la causa prevalente è la “mancata conciliazione tempi lavoro-famiglia” anche a seguito di richiesta di part-time accordato dall’azienda. La conciliazione tempi lavoro-famiglia è ancora oggi la principale causa non solo di mancato acceso al lavoro ma soprattutto di perdita di questo dopo averlo trovato. Dalla Relazione annuale dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro si rileva che per l’anno 2019 si è registrato un + 4% di Convalida di dimissioni rispetto al 2018, precisando che gli Ispettorati Territoriali del Lavoro hanno adottato 47.759 provvedimenti di convalida, di cui 1883 in Sicilia, e il trend non cambia rispetto agli anni precedenti poiché la percentuale delle donne è del 73%. Inoltre dal dato nazionale si evince che il 60% delle convalide riguarda lavoratrici/tori con un solo figlio o in attesa del primo e il 33% con due figli. Fra le motivazioni delle dimissioni/risoluzioni consensuali addotte da lavoratrici e lavoratori (in sede di colloquio con il personale addetto al rilascio del provvedimento di convalida, volto a accertare la genuinità del consenso) la più ricorrente è rimasta la difficoltà di conciliare l’occupazione lavorativa con le esigenze di cura della prole, registrata in 20.730 casi (20.212 nel 2018), in percentuale pari a circa il 35% del totale, sostanzialmente in linea con quella dell’anno precedente (36%)>>, così si legge nella nota della consigliera di parità Alessandra Cascio.
<<Tale motivazione si è sostanziata, in particolare, in: − assenza di parenti di supporto in 15.505 casi (15.385 nel 2018), pari a circa il 27% del totale, percentuale coincidente con quella dell’anno precedente; − elevata incidenza dei costi di assistenza al neonato (es. asilo nido o baby sitter) in 4.260 casi (3.907 nel 2018) pari a circa il 7% del totale, dato corrispondente a quello del 2018; − mancato accoglimento al nido in 965 casi (920 nel 2018), pari a circa il 2% del totale, percentuale identica a quella rilevata nel 2018. ( INL – Relazione Convalida Dimissioni anno 2019). 

Il tema dei servizi per l’infanzia è un tema affrontato da anni ma con scarso successo, soprattutto in Sicilia dove l’ultimo dato aggiornato dall’Istat risale al 2017 e su 390 comini siciliani solo 155 hanno attivato asili nido o micronidi o altri servizi integrativi e/o innovativi, di cui la Provincia di Caltanissetta che conta 22 Comuni solo il 18,2%, praticamente 4 comuni. Considerato che non sono dati aggiornati al 2019 e che l’emergenza Covid 19 con la chiusura di tutte le strutture scolastiche e servizi all’infanzia ha fatto riemergere il problema, oggi è necessario verificare con i comuni quanti e quali servizi sono esistenti nel territorio nisseno per poter programmare una politica di sostegno al lavoro delle donne sia per quanto riguarda l’accesso al lavoro che il mantenimento dello stesso senza dover scegliere tra lavoro e famiglia. Inoltre se guardiamo i dati Istat relativi all’occupazione per l’anno 2019 riscontriamo che per un’età lavorativa individuata tra 15 e i 64 anni nella provincia di Caltanissetta il tasso di occupazione è del 38,1% di cui il solo il 23,6% donne, ciò ci deve fare riflettere. Rispetto alla media europea di circa il 66,5%, l’Italia, secondo una ricerca della Fondazione Openpolis, ha i livelli più bassi di occupazione femminile e si trova al penultimo posto con il 52,5%, appena sopra la Grecia (48%). “Il gap occupazionale aumenta se si confrontano i soli uomini e donne con figli. Rispetto a una media europea di 18,8 punti percentuali di distanza tra padri e madri occupate, l’Italia si trova al di sopra di quasi 10 punti (28,1). Su questo punto, diverse ricerche concordano nel mettere in relazione la disponibilità di asili nido e scuole materne con l’occupazione femminile: più posti ci sono e più le mamme possono essere nella condizione di lavorare. Perché un tema fondamentale è la conciliazione tra genitorialità e professione. Ma, c’è un ma. Nel nostro Paese anche le donne senza figli, di età compresa tra 20 e 49 anni, lavorano nel 62,4% dei casi, contro una media europea del 77,2%. “La cosa interessante da notare – scrivono i ricercatori di Openpolis – è che nei maggiori paesi Ue le donne con due figli partecipano al mercato del lavoro in misura maggiore delle italiane senza figli. Una distanza che è nell’ordine di 12 punti se confrontata con Regno Unito e Germania, e di quasi 16 rispetto alla Francia (…)”(cit. Sole 24 ore – Elena Delfino il 19 Settembre 2019) Anche l’utilizzo del “Lavoro agile” deve essere rivisto in chiave di volontarietà della donna lavoratrice e non come opzione per poter meglio sobbarcarsi contemporaneamente il lavoro di cura della famiglia non contrattualizzato e lo svolgimento del suo lavoro contrattualizzato. Bisogna dare un valore economico positivo al lavoro di cura nel bilancio familiare e non solo in negativo cioè il costo della babysitter o assistente familiare. Ciò può avvenire solo con il rafforzamento dei servizi pubblici e la valutazione degli eventuali costi nel bilancio familiare. Inoltre attivare i suindicati servizi potrebbe rappresentare anche creare una maggiore occupazione e il miglioramento della vita lavorativa non solo delle lavoratrici e lavoratori dipendenti, ma anche di coloro che svolgono lavori a partita iva e gli stessi imprenditori/trici che, anche se datori di lavoro, spesso anche loro non riescono a conciliare i tempi lavoro/famiglia per i quali lo Stato aveva investito risorse con l’Art. 9 della L 53/2000 e che oggi si ritrovano senza nemmeno quello>>, conclude la nota di Cascio. 

 

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.



Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it
Ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy