Il parco dello Stile di Vita Mediterraneo al Sicily food festival: al centro il tema dell'agricoltura familiare sostenibile - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Il parco dello Stile di Vita Mediterraneo al Sicily food festival: al centro il tema dell’agricoltura familiare sostenibile

Condividi questo articolo.
Rate this post

Nutrita la partecipazione di pubblico nei tre pomeriggi del Sicily Food Festival 2022 a Caltanissetta promossi dal Primo  Parco mondiale dello Stile di Vita Mediterraneo: incontri di informazione, di approfondimento e di promozione che  hanno affrontato tematiche rilevanti e soprattutto attuali, all’interno di una manifestazione all’insegna della gioia, del  piacere del cibo e della musica.  

Durante il primo incontro di venerdì, dal titolo “Il buon cibo per il rilancio sostenibile del territorio”, gli autorevoli  relatori intervenuti hanno confermato la grande capacità del buon cibo mediterraneo (soprattutto quello riconosciuto  come tradizionale, denominato e di presidio) ad essere il volano più attrattivo e di trascinamento di tutte le ricchezze del  territorio, non soltanto di quelle enogastronomiche. Concordi che, per valorizzare maggiormente le piccole produzioni,  occorra promuoverlo sotto forma di unico paniere, il cosiddetto paniere della dieta mediterranea. Tante le nuove  opportunità di finanziamento, europee e nazionali, prossimamente in campo, per la valorizzazione e la promozione del  cibo di qualità, stagionale, di prossimità. Nuove risorse che, l’Assessore alla Crescita Territoriale Francesco Nicoletti  afferma “potranno essere intercettate anche dal Comune di Caltanissetta per continuare l’opera di valorizzazione del  cibo mediterraneo, all’interno della strategia del Parco, oltre ai già finanziati interventi per la creazione della Cucina  Mediterranea, che sorgerà nell’ex liceo scientifico di via Mauro Tumminelli e sarà luogo di formazione e per la  promozione del cibo buono mediterraneo e dei prodotti di qualità dei nostri agricoltori, e la creazione del Centro  dell’agroalimentare mediterraneo, che sorgerà a Xirbi e sarà un polo logistico ed espositivo per le produzioni  dell’agroalimentare della Sicilia”.  

Sabato è stata la volta di parlare de “Il Torrone di Caltanissetta, futuro Presidio Slow Food, espressione della Dieta  Mediterranea”. E’ stata sottolineata ai presenti l’importanza del riconoscimento come Presidio Slow Food, per la tutela,  la valorizzazione e la diffusione del torrone di Caltanissetta. Per la prima volta si sta lavorando per il raggiungimento di  un serio ed importante riconoscimento per valorizzare tale ricetta mediterranea, prodotta esclusivamente con le  mandorle, i pistacchi ed il miele del territorio, e la sua intera filiera di produzione. Ma è stato, anche, evidenziato come  il riconoscimento di Presidio sia un percorso di crescita virtuosa per l’intera Comunità che lo esprime, poiché basato  sulla compartecipazione al risultato e sui rapporti di fiducia tra i soggetti della filiera. Si è anche approfondito il  significato di disciplinare, che deve essere sempre rispettato, ed il vantaggio per i produttori di poter vendere, accanto al  prodotto che oggi commercializzano, anche un prodotto riconosciuto. L’essere un prodotto di Presidio potrà giustificare  il maggior prezzo per questo richiesto, determinato dai maggiori costi di produzione per il rispetto del disciplinare. Il  torrone di Caltanissetta di Presidio ha tutte le carte in regola per rientrare nel paniere della dieta mediterranea che sarà  promosso con il Parco.  

Nell’incontro di domenica, infine, si è parlato de “La strategia anticrisi del Primo Parco mondiale dello Stile di Vita  Mediterraneo” a partire dal tema dell’ecologia integrale, nodo centrale che l’umanità è già costretta ad affrontare, posto  anche a base della strategia del Parco. Aiutati dalla lectio magistralis di Federico Butera, professore emerito del  Politecnico di Torino, e dall’illustrazione del volume del professore Francesco Sottile, membro del CDA di Slow Food  International, effettuata dal responsabile progettuale del Parco, Beppe De Santis, si è affrontato il tema, sia dal lato  teorico che pratico, seguito dagli interventi della sala. Tutti concordi nel considerare la cattiva agricoltura il principale  problema ed il buon cibo la principale soluzione anticrisi.  

Il Primo Parco dello Stile di Vita Mediterraneo pone l’esigenza di mettere finalmente in rete e salvaguardare le cose  buone presenti nel nostro territorio, procedendo, al contempo, alla conversione delle cose meno buone; sempre in  un’ottica di crescita virtuosa che miri a promuovere la Sicilia come “Terra del buon vivere mediterraneo”, partendo dal  buon cibo, i buoni prodotti, la buona agricoltura, il buon territorio, la bellezza e la cultura e viceversa. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy