"Il compostaggio domestico e le nuove opportunità offerte dal compostaggio di comunità", incontro al "Mottura" organizzato da Legambiente Sicilia - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

“Il compostaggio domestico e le nuove opportunità offerte dal compostaggio di comunità”, incontro al “Mottura” organizzato da Legambiente Sicilia

Condividi questo articolo.
Rate this post

Si terrà a Caltanissetta, giovedì 25 gennaio, nell’aula magna dell’I.I.S.S. “S. Mottura”, a partire dalle ore 15:30, un interessante incontro regionale, organizzato da Legambiente Sicilia, sul tema: “Il compostaggio domestico e le nuove opportunità offerte dal compostaggio di comunità”.

Il Forum è diviso in tre sessioni. Nella prima si terranno delle relazioni introduttive che avranno il compito di fotografare il contesto europeo, nazionale e siciliano in materia di raccolta differenziata, in particolarmente della frazione organica. Nella seconda saranno raccontate alcune buone pratiche siciliane, dove si realizza il compostaggio domestico e di comunità, la tariffazione puntuale e l’economia circolare. Nella terza si parlerà di modelli di organizzazione e di regolamentazione comunale. Al centro del dibattito vi sarà comunque la recente normativa nazionale, D.M. n.266/2016, che detta le linee guida per la realizzazione di compostiere di comunità. Queste ultime possono rappresentare, nel nostro territorio, dove mancano i grossi impianti di compostaggio, una rapida soluzione per il trattamento dell’umido, con notevoli riduzione dei costi di raccolta e smaltimento di tale frazione. Attraverso la suddetta norma i cittadini possono infatti conferire presso centri di compostaggio di comunità, fino a un massimo di 130 tonn/annue, con una procedura molto snella. L’attività di compostaggio di comunità può essere intrapresa da un Responsabile di organismo collettivo, previo invio di una segnalazione certificata di inizio attività al comune territorialmente competente, che ne deve dare comunicazione all’azienda affidataria del servizio di gestione dei rifiuti urbani. La norma prevede, all’interno delle suddette procedure facilitate, 4 diverse tipologie di impianti: • fino a 1 tonn/annua (circa 3 utenze familiari); • fino a 10 tonn/annue (impianti piccoli di taglia “T1”, circa 30 utenze familiari); • fino a 60 tonn/annue (impianti medi di taglia “T2”, circa 180 utenze familiari); • fino a 130 tonn/annue (impianti grandi di taglia “T3”, circa 390 utenze familiari). Fino a 10 tonn/annue è possibile realizzare un compostaggio statico (tipo compostiera), mentre oltre tale limite è previsto il compostaggio elettromeccanico. Quartieri, condomini, borgate, piccoli agglomerati, potrebbero realizzare quindi compostaggio di comunità (statico o elettromeccanico) in modo semplice e fruire degli sgravi previsti per la Tari. Per la durata del Forum, nel cortile esterno dell’Istituto “S. Mottura”, saranno esposti alcuni modelli di compostiere statiche ed elettromeccaniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy