Gela, taglieggiatore arrestato in flagranza dalla Polizia per estorsione in danno della ditta incaricata di installare le luminarie in occasione della ricorrenza religiosa che si svolge il 2 luglio - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Gela, taglieggiatore arrestato in flagranza dalla Polizia per estorsione in danno della ditta incaricata di installare le luminarie in occasione della ricorrenza religiosa che si svolge il 2 luglio

Condividi questo articolo.

I poliziotti del Commissariato di pubblica sicurezza stamattina hanno tratto in arresto Angelo Camiolo, gelese di 66 anni, nella flagranza di reato di estorsione. Nei giorni scorsi un dipendente della ditta incaricata dell’installazione delle luminarie, in occasione della ricorrenza religiosa che si svolge il 2 luglio a Gela, presso il Commissariato, ha denunciato di essere stato avvicinato da un individuo che pretendeva una somma di denaro da corrispondergli al momento dello smontaggio delle lampade. Il denunciante agli investigatori della Polizia di Stato ha riferito che lo scorso anno, per evitare ritorsioni, aveva preferito pagare, ma questa volta, anche per la crisi economica seguita dalla pandemia, ha ritenuto intollerabile la reiterata richiesta di soldi da parte dello stesso individuo dell’anno precedente, rivolgendosi alla polizia. Apprese le modalità di azione dell’estorsore i poliziotti della squadra investigativa del Commissariato hanno predisposto un apposito servizio a tutela del denunciante e degli altri operai intenti a smontare le luminarie. Stamattina, verso le nove, la vittima è stata avvicinata da Camiolo, al quale è stata consegnata la somma di denaro richiesta in contanti, sotto lo sguardo dei poliziotti. Mentre l’estorsore tentava di allontanarsi con i soldi, è stato raggiunto e bloccato dagli agenti che l’hanno tratto in arresto. L’uomo, nell’estremo tentativo di evitare l’arresto, ha tentato di disfarsi delle banconote, che sono state recuperate dai poliziotti. Angelo Camiolo, identificato dagli agenti del Commissariato, è una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, già arrestato nel 2011 nell’ambito dell’operazione di polizia giudiziaria denominata “Tetragona”, in quanto ritenuto responsabile di associazione di tipo mafioso ed estorsione. L’arrestato, dopo le formalità di rito, su disposizione della Procura della Repubblica di Gela, è stato condotto in carcere.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.



Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it
Ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy