Caltanissetta. Pakistano morto in un incidente, caso riaperto. Nisseno accusato di omicidio colposo – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Caltanissetta. Pakistano morto in un incidente, caso riaperto. Nisseno accusato di omicidio colposo

Condividi questo articolo.

Indagine chiusa e richiesta di rinvio a giudizio già avanzata dalla Procura per il nisseno Kevin Lombardo, 23 anni, che tra un mese dovrà rispondere – in udienza preliminare – di omicidio stradale per l’incidente mortale costato la vita al pakistano Muhammad Towfeeq, il 10 aprile 2015. Ma i guai per il giovane nisseno, accusato di avere investito il pakistano e di non essersi fermato, non sono finiti qui, visto che la gup Graziella Luparello ha anche disposto l’imputazione coatta per l’accusa di omissione di soccorso, “curata” separatamente dagli inquirenti rispetto a quella di omicidio stradale. Con l’imputazione coatta la gup ha disposto l’apertura di un processo.

Entrambe le accuse, in una prima fase, erano state archiviate, ma l’avvocato Vania Giamporcaro, che assiste i familiari di Towfeeq come legale di parte civile, aveva svolto una serie di indagini sulla base delle quali la Procura nissena aveva chiesto una nuova consulenza sulla dinamica dell’incidente.

C’erano diversi dettagli, secondo la legale di parte civile, che non erano stati inizialmente sviscerati sull’investimento di Towfeeq, che venne travolto dalla vettura condotta da Lombardo mentre camminava a piedi nella zona di Pian del lago. E per quello era stata disposta una nuova consulenza che adesso sembra dire altro rispetto al primo accertamento eseguito all’epoca dei fatti tanto che è stata disposta la nuova udienza preliminare.

La vicenda aveva destato anche parecchia commozione, visto che alcuni ospiti del Centro di accoglienza di Pian del Lago – non solo pakistani, ma di varie nazionalità – avevano fatto una colletta per permettere il rimpatrio della salma e si erano riuniti nel piazzale dello stadio “Tomaselli” per pregare per lui. Towfeeq aveva 29 anni quando morì, dopo 10 giorni di agonia in ospedale; la sua era stata una lotta continua fin dal momento di partire dal Pakistan, perché rischiava di fare una brutta fine. Aveva superato l’odissea di un viaggio iniziato dall’altra parte del mondo, in cerca di nuove opportunità in Italia o più probabilmente nel resto d’Europa. Ma i suoi sogni erano finiti sull’asfalto di una strada provinciale, dopo che una vettura lo aveva travolto. Il giovane automobilista non si era accorto di nulla, forse per il troppo buio, e questa ricostruzione inizialmente era sembrata sufficiente alla Procura per chiedere l’archiviazione e al gip per accogliere la richiesta di chiudere l’indagine. Lo stesso avvocato difensore Cristian Morgana aveva chiesto che quell’archiviazione venisse confermata sostenendo che Lombardo non aveva effettivamente potuto accorgersi della presenza di Towfeeq sulla carreggiata. Tesi opposte che verranno sviscerate in aula.

 

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy