Caltanissetta. Aste irregolari e spaccio, un arresto e quattro sospensioni - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Caltanissetta. Aste irregolari e spaccio, un arresto e quattro sospensioni

Condividi questo articolo.

Un arresto con applicazione dei domiciliari e altre quattro persone sospese dalle rispettive attività. Ai domiciliari è finito Flavio Rotondo, nato a Caltanissetta, 30 anni, figlio di un cancelliere del Tribunale e dipendente occulto dell’Istituto vendite giudiziarie di Caltanissetta e Catania).

Sospensione dai pubblici uffici per Orazio Rotondo, nato a Santa Caterina Villarmosa (CL),  60 anni, (cancelliere del Tribunale di Caltanissetta e padre di Flavio); Gianluca Princiotto, messinese di 42 anni (direttore dell’Istituto vendite giudiziarie di Caltanissetta e Catania); Umberto Amico, 51 anni, nisseno, (dipendente Istituto vendite giudiziarie).

I provvedimenti, emessi dal gip ed eseguiti dai carabinieri e dal nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di finanza, sono l’esito di un’indagine eseguita nel settore dei reati contro la Pubblica amministrazione che ha permesso di accertare vari episodi di truffa aggravata, corruzione, turbata libertà degli incanti, peculato, abuso d’ufficio, falso in atto pubblico e spaccio di sostanze stupefacenti. Nell’ambito delle indagini,  sono state appurate violazioni di carattere penale relative alla vendita mediante procedura pubblica di beni sottoposti a pignoramento, poste in essere da un sodalizio criminale composto dal cancelliere del Tribunale di Caltanissetta, dal figlio di quest’ultimo, dal direttore dell’Istituto vendite giudiziarie della Corte d’Appello di Caltanissetta e Catania e da un suo dipendente. La vicenda ha coinvolto l’Istituto vendite giudiziarie operante presso le Corti d’Appello di Caltanissetta e Catania.

Sono state accertate numerosissime irregolarità aventi rilievo penale ed integranti, tra l’altro, fatti di corruzione, turbata libertà degli incanti, peculato e truffa aggravata. I dipendenti dell’Istituto, in dispregio della normativa di settore, si facevano sistematicamente corrispondere denaro contante dai debitori delle procedure, inducendoli in errore sulla spettanza delle somme riscosse.

In alcune circostanze, i medesimi soggetti suggerivano, invece, ai debitori esecutati stratagemmi (incluso l’utilizzo di prestanome compiacenti) per tornare in possesso dei beni pignorati, addirittura arrivando a gestire personalmente, a fronte della corresponsione o comunque della promessa di utilità di vario genere, la loro partecipazione alle aste telematiche. Le indagini svolte hanno permesso di appurare, da un lato, che i dipendenti dell’Istituto consentivano ad alcuni degli acquirenti (ed in particolare a coloro che sapevano essere prestanome dei debitori esecutati) di procedere con ritardo (anziché nelle 48 ore dal termine dell’asta) al pagamento del prezzo dei beni aggiudicati, e, dall’altro, che i libretti intestati alle procedure esecutive, ove confluivano le somme provento delle vendite, venivano aperti con estremo ritardo (anche di cinque/sei mesi).

All’interno dell’Istituto è stata poi rilevata la presenza, quale dipendente di fatto di Flavio Rotondo, figlio di Orazio Rotondo, assistente giudiziario al Tribunale di Caltanissetta, in servizio proprio alla Cancelleria delle esecuzioni mobiliari, ossia quella a più stretto contatto con l’Istituto vendite giudiziarie (Ivg). Quest’ultimo, per come accertato, oltre ad avere personalmente beneficiato di uno degli accertati episodi di turbata libertà degli incanti (aggiudicandosi beni mediante l’utilizzo di un prestanome), si è reso responsabile di reati di falso finalizzati a “coprire” alcune delle irregolarità commesse dai funzionari dell’Istituto.

Nel corso delle perquisizioni che hanno preceduto l’emissione dell’ordinanza di applicazione di misura cautelare, è stato poi accertato un grave fatto di peculato, atteso che, nell’abitazione messinese del Direttore dell’Ivg, sono stati rinvenuti gioielli del valore di oltre 20.000,00 euro, pignorati nell’ambito di una procedura esecutiva pendente di fronte al Tribunale di Caltanissetta, estinta da oltre tre anni e che, in virtù di un provvedimento dello stesso Tribunale, avrebbero dovuto essere restituiti al debitore esecutato.

Nel corso dell’indagine, sono stati, inoltre, individuati vari episodi di spaccio di hashish  all’interno dell’Ivg di Caltanissetta, commessi da Flavio Rotondo.

 

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy