Caltanissetta. All'Oasi della cultura in scena "Gente di rispetto" domenica 18 febbraio - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Caltanissetta. All’Oasi della cultura in scena “Gente di rispetto” domenica 18 febbraio

Condividi questo articolo.

Domenica 18 febbraio alle 18 ottavo appuntamento della stagione teatrale 2017/2018 all’ Oasi della cultura (ex istituto Don Bosco) di via Borremans a Caltanissetta, organizzato dal Teatro stabile nisseno per la direzione artistica di Giuseppe Speciale. Per l’occasione ritorna a Caltanissetta la compagnia calabrese Krimisa di Cirò Marina con una commedia dal titolo “ Gente di rispetto”.

La ricerca e la rivalutazione di usi, costumi e tradizioni del comprensorio crotonese sono dal 1981, anno della fondazione, il motivo dominante della compagnia teatrale Krimisa, che vanta, nel panorama del teatro amatoriale calabrese, oltre all’anzianità ed al numero di produzioni teatrali realizzate, il fatto di rappresentare quasi esclusivamente opere inedite. Le commedie della Compagnia Teatrale Krimisa affrontano temi e situazioni etno-storiche-antropologiche della realtà sociale italiana che attraverso l’azione scenica, supportata dalla vis comica degli attori, evidenziano tutta l’ironia, il grottesco, il dramma e la comicità della compagnia calabrese.

Divertire coinvolgendo il pubblico in fragorose risate, ma senza che queste risultino fini a se stesse, bensì suscitando nella leggerezza, di cui il pubblico soprattutto in momenti storici difficili ha anche bisogno, riflessioni profonde, alle quali, in questo modo, ci si può accostare senza amarezza o rabbia.

Note dello spettacolo: Il teatro è cultura e con “Gente di rispetto” si è voluto anche ricordare  i giudici Borsellino, Falcone, ed il Generale Dalla Chiesa con delle loro frasi,  recitati a fine commedia dagli attori contro il malaffare e le mafie in genere. Il rispetto  l’onore intesi come una volta, sono gli argomenti su cui la commedia  è stata scritta per differenziarla da quella criminalità di omertà di cui oggi le società sono piene. Nella Calabria degli anni 50/60, ma potremmo trovare giusta ambientazione in qualsiasi regione del sud Italia, si muovono  grotteschi personaggi che vivono realtà adattate alla società del tempo, in cui la malavita del rispetto e dell’onore fa da contraltare in maniera tragicomica all’avanzare di una nuova criminalità spietata e senza scrupoli. In questo mélange di regole non scritte in cui si finge e si vive compiutamente i personaggi di Gente di Rispetto attraversano una realtà  di contraddizioni che già lascia intravedere connivenze tra mafia e politica, ma anche il buonismo e la spontaneità della volontà di cercare di fare sempre ciò che è più giusto. Le performance degli attori rappresentano fedelmente il ruolo e contemporaneamente il loro contraltare, portando lo spettatore a gioire delle loro vicende e ad esaltarsi per il trionfo della legalità. Interpreti: Francesca Stasi, Nicodemo Iacovino, Ludovico Rizzuto, Massimo Mancuso, Antonio Astorino, Nicola Notaro, Floriana Marietta, Massimo Mancino, Isabella Stasi, Pietro Sculco e Giovanni Malena che ha curato anche la regia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy