Butera. Scoperta dalla Guardia di Finanza una falsa invalida; sequestrati 25mila euro - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Butera. Scoperta dalla Guardia di Finanza una falsa invalida; sequestrati 25mila euro

Condividi questo articolo.

La Guardia di Finanza di Gela, a conclusione di un’attività di indagini delegata dalla locale Procura, ha sequestrato circa 25.000 euro ad una donna (D.R. 47enne di Butera) che percepiva indebitamente l’assegno di invalidità civile.

Le attività ispettive, espletate mediante numerosi appostamenti, hanno consentito di appurare l’effettiva autonomia e l’assenza di impedimenti fisici da parte della signora. Infatti, la 47enne è stata osservata mentre eseguiva comuni atti di vita quotidiana (fare la spesa, accompagnare i figli a scuola, recarsi al mercato o guidare l’autovettura) senza necessità di alcun ausilio e con totale libertà dei movimenti.

Le Fiamme gialle gelesi, esaminato il materiale acquisito e richiesta la documentazione riguardante il soggetto agli organi preposti all’accertamento dello stato sanitario e all’ente erogatore dell’assegno di accompagnamento, hanno acclarato che l’indennità concessa è stata ottenuta mediante artifizi e raggiri, traendo in inganno sia la commissione medica dell’Asl di Gela che il centro medico legale dell’Inps di Caltanissetta.

All’indagata sono state contestate le ipotesi di reato di truffa aggravata ai danni di un ente previdenziale e falso per induzione in errore perché, dissimulando limitazioni funzionali e articolari, ha ottenuto l’invalidità totale con inabilità lavorativa al 100% percependo, indebitamente, l’indennità di accompagnamento.

Il Giudice per le indagini preliminari, confermando il quadro probatorio rappresentato dai finanzieri e formalizzato dalla richiesta del Pubblico ministero, ha emesso apposito decreto di sequestro preventivo per equivalente, fino alla concorrenza di circa 25.000 euro, corrispondente alle somme indebitamente percepite sotto forma di indennità di accompagnamento dall’aprile 2014 al febbraio 2018.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy