Serradifalco. Pensionato morto dopo incendio, i carabinieri ricostruiscono in aula l’accaduto – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Serradifalco. Pensionato morto dopo incendio, i carabinieri ricostruiscono in aula l’accaduto

Se ti e' piaciuto questo articolo, condividilo.

<<L’incendio del quale rimase vittima il pensionato Antonio Calogero Tabone fu causato probabilmente dalla sigaretta che l’uomo aveva acceso, In ogni caso le fiamme interessarono solo l’angolo della stanza da cui partirono le fiamme, mentre il resto della camera no. Gli altri ospiti della struttura erano stati rapidamente portati in salvo, visto che i locali si riempirono di fumo>>. Così alcuni carabinieri, ascoltati come testimoni dal giudice monocratico, hanno ricostruito quanto accaduto il 3 ottobre 2012 nella casa di riposo di Serradifalco, quando un incendio divampato all’interno della struttura costò la vita al pensionato serradifalchese Angelo Tabone.

Per quei fatti sono adesso chiamati a rispondere di omicidio colposo, davanti al giudice monocratico Santi Bologna, il rappresentante legale della coop “Aprilia 89” – che gestiva la casa di riposo – Stefano De Maria, 52 anni, di Mazzarino e Mira Maria Teresa Di Maria, 59 anni, mazzarinese, responsabile della prevenzione anti-incendi. Secondo l’accusa la causa determinate dell’incendio fu una scintilla della sigaretta che lo stesso Tabone aveva acceso e il processo mira ad accertare come sia stato possibile che l’ospite fosse riuscito a procurarsi una sigaretta.

Prima di ascoltare i testi il giudice Bologna ha preso la sua decisione su alcune eccezioni delle parti e ha stabilito che il Comune di Serradifalco rimarrà come responsabile civile nel processo e quindi – in base al tipo di sentenza che verrà emessa – potrebbe essere condannato al risarcimento danni. Inoltre resterà, almeno per adesso, parte civile la moglie di uno dei fratelli della vittima, che si era costituita con l’avvocato Salvatore Sollami, al posto del marito deceduto. Sia il difensore degli imputati, l’avvocato Giuseppe Panepinto, che il legale del Comune, l’avvocato Antonio Campione avevano chiesto che fosse estromessa visto che non sarebbe legittimata a entrare in giudizio. L’altro fratello della vittima è parte civile con l’avvocato Alberto Gangi.

Si torna in aula il mese prossimo per ascoltare altri testimoni citati dal pubblico ministero.

Se ti e' piaciuto questo articolo, condividilo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *