San Cataldo. Scioglimento del Consiglio comunale, Modaffari: "Una delle pagine più tristi e nere nella storia di questa città. Abbiamo operato con rigore morale e trasparenza" - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

San Cataldo. Scioglimento del Consiglio comunale, Modaffari: “Una delle pagine più tristi e nere nella storia di questa città. Abbiamo operato con rigore morale e trasparenza”

Condividi questo articolo.

Di seguito la nota del sindaco di San Cataldo Giampiero Modaffari:

“Quella che si è scritta in queste ore è senza dubbio una delle pagine più tristi e nere nella storia di questa Città: è qualcosa che questa Comunità non merita, che ho sempre sperato non accadesse mai, a prescindere dal fatto che sia avvenuto oggi con me nella veste di Sindaco.
Al momento in cui scrivo, conosciamo il decreto per la sola pubblicazione sul sito del Governo, pertanto è difficile anche solo esprimere delle opinioni.
Dal punto di vista personale e della Giunta in carica, sono fermamente convinto che abbiamo operato con rigore morale e trasparenza, lontanissimi da certe logiche e frequentazioni, lavorando nell’esclusivo interesse della collettività e nel pieno rispetto della legalità.
La quantità di atti prodotti dalla mia amministrazione al fine di scardinare nicchie di potere e piccoli o grandi orticelli consolidati nel tempo o mirati all’unica azione a tutela della collettività, sono a disposizione di tutti: è una produzione enorme che attesta chiaramente la direzione del nostro mandato.
Posso, però, dire con forza che abbiamo svolto il nostro mandato senza mai pensare al beneficio personale, dato che il nostro impegno è stato finalizzato esclusivamente al compimento di un buon servizio a questa Città.
Al momento non possiamo che prendere atto della situazione e della decisione del Consiglio dei Ministri, rimanendo in attesa delle motivazioni.
Leggeremo le carte con attenzione, per capire effettivamente quali siano state le motivazioni, quali sono i fatti individuati e se ci sono elementi concreti, univoci e rilevanti, ovvero anzitutto capire se il provvedimento è contestabile o meno.
Perché al momento non posso che ritenerlo un atto di somma ingiustizia nei confronti della Città, ritengo che qualora ve ne siano i motivi ricorreremo senza indugio al TAR: più che per una difesa personale, è la Città di San Cataldo che merita di essere difesa strenuamente, e lo faremo con tutte le nostre forze, non abbiamo intenzione di subire il provvedimento in maniera passiva.
E su questo mi auguro davvero che ci sia assoluta trasversalità e convergenza, perché sulla vita e sul destino di questo territorio non possono esserci divisioni, e quei pochi che oggi “festeggiano” lo fanno sul corpo di una Città ferita e offesa.
Viste le attuali condizioni anche economiche, che tutti conosciamo, la mancanza di una guida politica, quale che sia, sarebbe un ulteriore danno che si aggiungerebbe a questa macchia indelebile: proveremo con tutte le forze a risparmiarlo ai nostri concittadini”.

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy