Problematiche Ipab. L’assessore alla Famiglia Ippolito incontra i sindacati al Comune – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Problematiche Ipab. L’assessore alla Famiglia Ippolito incontra i sindacati al Comune

Condividi questo articolo.

Su input del sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo, l’assessore alla Famiglia e politiche sociali della Regione siciliana, Maria Ippolito, ha incontrato giovedì sera a palazzo del Carmine i rappresentanti sindacali dei lavoratori e alcuni amministratori locali per discutere le problematiche delle Ipab. L’assessore Ippolito, mostrando sensibilità per la difficile situazione dei dipendenti, ha comunicato alcune novità sulla problematica che investe da molti anni gli Istituti di beneficenza e assistenza e, al contempo, ha raccolto le istanze dei lavoratori, invitando i sindacati a formulare proposte.
Durante l’incontro è stata data notizia dell’emendamento alla finanziaria regionale, già approvato in commissione, che consente alcuni margini di manovra alle Ipab per avviare un risanamento finanziario e il ripianamento dei debiti. In vista di una legge di riordino, che il governo regionale intende a breve portare in aula con la condivisione delle parti sociali – è stato spiegato dall’assessore – l’emendamento di natura normativa prevede che le Ipab che non abbiano raggiunto un equilibrio economico finanziario, ma che presentino oggettive possibilità di rilancio, possano presentare un piano di risanamento finanziario di durata quinquennale. A tal fine, previo parere dell’organo di revisione e approvazione dell’assessorato regionale Famiglia e politiche sociali, l’emendamento prevede che le Ipab potranno stipulare mutui ipotecari sugli immobili di proprietà o alienare quelli non destinati a fini istituzionali. E’ prevista in questo caso la possibilità di utilizzare l’intero corrispettivo derivante dalle alienazioni per il quinquennio 2018/2022. Si tratta di una deroga al limite del 30% dell’introito complessivo utilizzabile dalle vendite – imposto dalla legge regionale 22/1986 – che in molti casi aveva impedito di valorizzare il patrimonio delle Ipab per il rilancio delle proprie attività.
Oltre al sindaco, Giovanni Ruvolo e all’assessore Mariella Ippolito hanno partecipato all’incontro Salvatore Sberna, assessore alle Politiche sociali del comune di San cataldo, Davide Lalicata, assessore alla Solidarietà sociale del comune di Canicattì, Gianfranco Di Maria coordinatore provinciale Cisl Fp, Rosanna Moncada segretario provinciale Fp Cgil, Massimiliano Centorbi segretario generale provinciale Uil funzione pubblica, i dipendenti dell’Ipab Gurrera-Calafato di Caltanissetta, Fabio Venezia e Mirella Giarratano ed il coordinatore della camera del lavoro di San Cataldo, Paolo Anzaldi. Il segretario provinciale Snalv-Confsal, Manuel Bonaffini, ha dovuto rinunciare a partecipare all’incontro per assistere e accompagnare una dipendente dell’Ipab colpita da un leggero malore.
«L’attenzione prioritaria dev’essere per i lavoratori delle Ipab e per gli utenti, spesso rappresentati da fasce deboli della popolazione – ha detto l’assessore Ippolito –. Come governo stiamo predisponendo una legge di riordino che sia condivisa da sindacati e operatori».
Il sindaco, Giovanni Ruvolo, porterà la questione al tavolo dell’Anci Sicilia per far emergere le proposte degli enti locali e stimolare le iniziative possibili nell’ambito di una necessaria riforma del settore.
«E’ positivo il contenuto dell’emendamento approvato in commissione – afferma Ruvolo -, rappresenta un provvedimento normativo per dare alle Ipab i primi strumenti per tamponare le emergenze, mettendo al primo posto i lavoratori. Dovranno seguire azioni coordinate anche con i Comuni per ampliare i campi d’azione e la gamma di servizi delle Ipab».

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy