Operazione “Vindicta Ignis” a Niscemi: tre arresti per reati di detenzione e cessione di stupefacenti, detenzione illegale di armi e danneggiamento seguito da incendio - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Operazione “Vindicta Ignis” a Niscemi: tre arresti per reati di detenzione e cessione di stupefacenti, detenzione illegale di armi e danneggiamento seguito da incendio

Condividi questo articolo.

Stamattina i poliziotti del Commissariato  di Niscemi hanno arrestato tre pregiudicati niscemesi Gaetano Bergamo (di 39 anni), Pasquale Bergamo (di 20 anni), Giovanni Galanti (di 27 anni),  in esecuzione all’ordinanza di applicazione di misura cautelare, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Gela, su richiesta della Procura della Repubblica. A Gaetano Bergamo, già ristretto nella Casa Circondariale di Gela per altra causa, è stata notificata l’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere perché ritenuto responsabile di diversi episodi di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti – cocaina e marijuana – e di detenzione illegale di armi clandestine; a suo carico è stata, inoltre, applicata la misura degli arresti domiciliari per il reato di danneggiamento seguito da incendio. Pasquale Bergamo, anche lui condotto in carcere, è ritenuto responsabile di diversi episodi di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti e di detenzione illegale di armi clandestine. Giovanni Galanti è stato condotto agli arresti domiciliari per il reato di danneggiamento seguito da incendio. Stamattina, nel corso di una conferenza stampa tenuta presso la Procura della Repubblica di Gela, alla quale hanno partecipato il procuratore della Repubblica Fernando Asaro, il questore di Caltanissetta Giovanni Signer e il dirigente del Commissariato di P.S. di Niscemi Alessandro D’Arrigo, sono stati illustrati i particolari dell’operazione di polizia giudiziaria. Nell’arco temporale ricompreso tra dicembre 2017 e febbraio 2018, nel territorio di Niscemi si sono susseguiti diversi episodi di danneggiamento seguiti da incendio su autovetture e abitazioni. Preso atto della gravità del fenomeno e dei preoccupanti risvolti per i profili d’incolumità pubblica, è stata avviata un’intensa attività d’indagine – anche tecnica – ad opera del Commissariato di Niscemi, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gela. Dette indagini, tese alla ricostruzione degli eventi, delle cause e alla individuazione dei responsabili, hanno consentito agli inquirenti di evidenziare come queste azioni delittuose, fossero riconducibili a veri e propri atti di ritorsione avverso presunti torti subiti, più che a metodi d’intimidazione. Nel corso delle indagini sono stati acquisiti gravi indizi di colpevolezza a carico dei tre soggetti colpiti dalla ordinanza cautelare. Gli elementi probatori, acquisiti incrociando e analizzando i dati emersi dalle intercettazioni telefoniche e ambientali, e dalle immagini registrate da sistemi di videoriprese, hanno consentito di far luce in particolare su due episodi di danneggiamento seguito da incendio: il primo incendio, verificatosi nel mese di gennaio del 2018, in danno di due autovetture parcheggiate sulla pubblica via, a seguito del quale conseguiva un incendio di vaste proporzioni che interessava anche il prospetto di un immobile abitato, mettendo così a rischio la vita d’ignari cittadini. A questo episodio è seguito un secondo incendio, consumato due giorni dopo, in cui è stata distrutta un’autovettura; anche in questo caso è stata messa a rischio la vita di persone innocenti, poiché le fiamme attaccavano il prospetto di un’abitazione civile. Nel corso delle indagini è emersa, inoltre, una fiorente attività di traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina e marijuana, che ha permesso ai poliziotti di procedere anche ad arresti in flagranza di reato. Tra tutti gli episodi riscontrati, emblematico appare l’episodio che ha condotto all’arresto in flagranza di reato di due persone trovate in possesso di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, di cui uno dei due – vistosi scoperto – aveva tentato di disfarsi, sciogliendo la sostanza nella vasca dei pesci rossi, poi morti avvelenati in conseguenza di tale azione. Il maldestro tentativo non andava a buon fine in quanto la cocaina, a mezzo sofisticate operazioni tecniche, è stata recuperata dai poliziotti della Polizia Scientifica di Niscemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy