M5S all'Ars: "No al rinnovo tacito delle concessioni demaniali. Il semplice recepimento della norma nazionale è pericoloso" - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

M5S all’Ars: “No al rinnovo tacito delle concessioni demaniali. Il semplice recepimento della norma nazionale è pericoloso”

Condividi questo articolo.
Rate this post

“Il rinnovo automatico delle concessioni demaniali per 15 anni ai lidi in Sicilia è estremamente pericoloso. La norma nazionale viola i principi comunitari e limita la libera concorrenza”.

Lo affermano i deputati del M5S all’Ars, che annunciano la presentazione di una pregiudiziale per bloccare la norma che oggi sbarca in aula e che recepisce le disposizioni nazionali in materia.

“In Sicilia – dicono i deputati 5 Stelle – la situazione è fuori controllo. In mancanza dei piani di utilizzazione del demanio marittimo, continuerà a regnare il far west, con moltissime concessioni frutto di interessi particolari con alcuni stabilimenti che oggi, di fatto, precludono persino la vista del mare e non di rado, l’accesso alla spiaggia. Non possiamo pertanto prorogare questo stato per altri tre lustri, senza che prima vengano approvati i Pudm e che il comparto venga normalizzato a favore di quella impresa sana che crea servizi, lavoro nel rispetto delle regole”.

“A questo – continuano i parlamentari – si è aggiunge il Consiglio di Stato, che, con la sentenza pubblicata lo scorso 18 novembre 2019, ha affermato come la norma nazionale violi il diritto comunitario di tutela della concorrenza, perché determina una disparità di trattamento tra gli operatori, precludendo e/o ostacolando la gestione dei beni demaniali oggetto di concessione. Pertanto, secondo il Consiglio di Stato, la legge nazionale va disapplicata. Il nostro Statuto ci consente di legiferare autonomamente in favore della normalizzazione di un settore ammorbato da abusi e forzature inaccettabili che il governo evidentemente vuole continuare ad avallare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy