La cripta scordata e… gli Heroi Moncadi - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

La cripta scordata e… gli Heroi Moncadi

Condividi questo articolo.

Donna Aloysia e Francesco II

Qualche anno fa un rigattiere mi ha mostrato un gruppo di fotografie di una sepoltura, che non riusciva a capire dove si trovasse; non capendone l’importanza, ma ben conoscendo i miei interessi storico locali, me le ha cedute perché non sapeva che farsene …

Io non stavo nella pelle quando guardandole con attenzione ho capito che poteva trattarsi della cripta della chiesa dell’Assunta per via di altre alcune notizie avute, per cui i resti potrebbero essere quelli di Aloysia e di Francesco II che sono ivi sepolti.

Lapidi di Donna Aloysia e Francesco II

Dalle foto ho potuto ricostruire parzialmente la planimetria di questa cripta, che sembra essere totalmente o quasi scavata nella calcarenite gialla della quale è formata la puntara dove sorge-va il complesso cappuccino.

Dalle foto si vede lo sfarinamento tipico del tufo.

La cripta dovrebbe essere formata da diversi locali, divisi in due parti.

Botola d’accesso

Il primo (forse) posto sotto il presbiterio in corrispondenza delle lapidi, si trova un ampio locale voltato, al centro del quale si vede la botola di accesso, lateralmente (non è chiaro) dovrebbero esserci i loculi laterali, posti in corrispondenza delle lapidi che sono ai lati dell’altare e indicano le sepolture di Aloysia e Francesco II.

In questi loculi, fanno capolino due crani, uno di questi, per la forma anatomica delle orbite oculari sembra appartenente ad un individuo di sesso femminile mentre l’altro, con i tratti più prominenti, invece apparterrebbe ad uno maschile.

Sono i resti di Luisa e Francesco II?

Nella cripta si vedono ai lati, lungo le pareti dove si trovano, i “colatoi” entro nicchie dove venivano posti i corpi dei defunti per il processo di essiccazione naturale (almeno otto, per un problema di simmetria): a causa dei detriti non si vedono gli appositi sedili-colatoio in muratura.

Nell’altro locale, diviso da un corridoio , si vedono diverse “stanze” con dei colatoi a letto formati dai classici “catusi” sui quali venivano coricati singolarmente i cadaveri.
Nicchie colatoio

Una volta terminato il processo di putrefazione dei corpi, le ossa venivano raccolte, lavate e trasferite nella sepoltura definitiva dell’ossario.

Si vede pure una vasca, che costituirebbe l’ossario in cui erano accumulati i resti scheletrici degli individui. Sopra le nicchie.

Vasca ossario

Dalla fine del XIX secolo, dopo la confisca dei beni con le leggi eversive del dittatore Garibaldi, il complesso fu trasformato in nosocomio mentre la chiesa, e relativa cripta, non più utilizzata per gli scopi originari, abbandonata all’oblio è andata progressivamente in rovina; di questo luogo si è “stranamente” persa la memoria: soltanto da queste foto risalenti alla fine degli anni novanta, è stata “riscoperta”.

Attualmente lo stato di conservazione della cripta è molto degradato: da quello che si vede, sia le strutture architettoniche che le eventuali decorazioni risultano deteriorate e purtroppo sono state inesorabilmente compromesse dal tempo.

Anche se resta il rimpianto delle cose irrimediabilmente perdute, spero che le autorità competenti provvedano a non far perdere definitivamente questa straordinaria testimonianza del passato.

Il cranio maschile applicato ad un ritratto di Francesco II.

 

Documento a cura dell’architetto Giuseppe Saggio

 

Ti può interessare anche:

 

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy