Influenza al picco. Tutte le precauzioni – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Influenza al picco. Tutte le precauzioni

Condividi questo articolo.

Italia colpita dall’influenza. Sono milioni gli italiani che stanno passando questi primi giorni di febbraio a letto, doloranti e malati. Siamo entrati infatti nel cosiddetto “picco influenzale”, il momento peggiore dell’anno per la nostra salute, in cui sfuggire del tutto ai malanni stagionali diventa una vera e propria impresa.
Quella in corso potrebbe rivelarsi una stagione da record. Un anno fa, il numero dei contagi era arrivato a nove milioni, ma in base alle stime e a come sono andate le cose da novembre a oggi, quest’anno ci dovrebbe essere un ulteriore incremento.
Ad essere maggiormente colpito in questa fase sono lo stomaco e l’intestino (tenue e crasso) con fenomeni di gastroenterite, crampi, nausea, brividi e diarrea. Non mancano i sintomi standard come raffreddore, stanchezza cronica, dolori alle ossa e ai muscoli. Diversi anche i casi di influenza senza febbre, anche questi però da tenere sott’occhio e da non sottovalutare.
Non esistono specifiche tempistiche per guarire del tutto dall’influenza stagionale. Tendenzialmente però, non si va oltre i dieci giorni. A poter riscontrare maggiori difficoltà nel recupero sono i bambini e gli over 65.
Le misure da adottare per contrastare l’avanzata influenzale restano anche quest’anno le “solite”, a cominciare dal vaccino. Il periodo giusto per farlo è ormai finito e provvedere adesso rischierebbe di garantire l’immunità dal contagio, quando il picco sarà ormai concluso. Inoltre, è possibile prevenire il contagio con buone abitudini: lavarsi spesso le mani, bere molta acqua, cambiarsi spesso i vestiti ed evitare il contatto con soggetti infetti. Se invece si è già incappati nel fenomeno influenzale, occorre ovviamente evitare di prendere ulteriore freddo, coprendosi per bene. L’ideale sarebbe seguire le indicazioni del medico e riposarsi, restando qualche giorno a casa.
Con circa 832.000 casi in una settimana, l’influenza ha raggiunto il picco di contagi stagionale. È quanto emerge dal nuovo bollettino di sorveglianza epidemiologica Influnet, a cura dell’Istituto superiore di sanità (Iss). Dall’inizio della stagione, sono stati 4.478.000 gli italiani colpiti dal virus e sono, secondo gli ultimi dati disponibili relativi alla scorsa settimana, 39 i decessi a causa dell’influenza e 191 i casi gravi registrati. (Fonte Live Sicilia)

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy