Il corazziere che ha accolto gli ospiti al Quirinale per il Giorno della memoria è di Serradifalco – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Il corazziere che ha accolto gli ospiti al Quirinale per il Giorno della memoria è di Serradifalco

Se ti è piaciuto questo articolo, valutalo.

Condividi questo articolo.

A salutare gli ospiti che arrivano al Quirinale per il Giorno della memoria, sullo scalone d’onore, c’è il primo corazziere di colore della storia. Davanti a lui sfilano i reduci italiani dei campi di concentramento, le scolaresche che hanno visitato Auschwitz, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i vicepresidenti del Consiglio Luigi Di Maio e Matteo Salvini, il presidente della Camera Roberto Fico.

Non è la prima volta che accade: il 10 giugno del 2017, ad accogliere Papa Francesco al Quirinale c’era il giovane militare oggi in servizio sull’imponente scalone che porta al Salone di Corazzieri.

Il militare dell’Arma dei carabinieri di cui il corpo speciale fa parte, originario del Brasile è stato adottato ad un anno, con la sorella poco più grande del giovane, da una coppia di Serradifalco.

Il suo sogno sin da piccolo era di entrare nel Reggimento corazzieri di cui fa parte da tre anni.

N.T. (le sue iniziali) è nato nel 1990, 29 anni fa. Grazie al suo metro e 96 centimetri di altezza è potuto entrare nel Reggimento dopo aver superato un lungo e faticoso addestramento. Il giovane grazie alle sue doti fisiche e intellettive è divenuto il primo corazziere di colore della storia italiana, e spesso e volentieri presenzia ad appuntamenti molto importanti.

 

 

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy