Gela, arresti per omicidio. Conferenza stampa questa mattina - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Gela, arresti per omicidio. Conferenza stampa questa mattina

Condividi questo articolo.
All’alba di oggi, a Gela (CL), Palermo e Prato, i carabinieri del Comando provinciale di Caltanissetta hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Caltanissetta su richiesta della Direzione distrettuale antimafia della Procura  nissena, a carico di 3 soggetti ritenuti responsabili – in concorso tra loro e con una quarta persona allo stato non identificata – del reato di omicidio volontario aggravato anche avvalendosi del metodo mafioso.

Il provvedimento restrittivo scaturisce da una articolata attività di indagine, avviata nel dicembre 2015 dalla Sezione operativa del Reparto territoriale carabinieri di Gela, i cui esiti hanno permesso di comprovare come Nicola Liardo, gelese 45enne e il figlio Giuseppe, gelese di 22 anni, nel mese di dicembre del 2015 abbiano deciso la morte del tassista Domenico Sequino, incaricando il 29enne pregiudicato gelese Salvatore Raniolo detto “Tony”, genero del Nicola Liardo e cognato di  Giuseppe Liardo, di commettere l’omicidio.

La sera del 17 dicembre 2015 nel comune di Gela, alle ore 19.45 circa, in piazza Umberto I, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco Domenico Sequino, ritenuto già intraneo al clan mafioso dei Rinzivillo e arrestato nel 2006 per il delitto di associazione per delinquere di stampo mafioso, nell’ambito dell’operazione denominata “Tagli pregiati”.

Sequino è stato raggiunto da cinque colpi di arma da fuoco sparatigli alla schiena da un commando composto da due soggetti giunti a bordo di uno scooter.

I carabinieri intervenuti subito sul posto hanno svolto i primi accertamenti urgenti rinvenendo 6 bossoli cal. 7,65 e hanno preso visione delle immagini registrate dalle numerose telecamere presenti in quella zona, ricostruendo il percorso fatto dagli autori del reato per giungere al luogo del delitto e per allontanarsene.

Determinanti ai fini dell’individuazione degli autori del reato sono stati gli esiti delle indagine già condotte dai carabinieri di Gela – anche attraverso lo svolgimento di attività tecnica – nei confronti del gruppo riconducibile a Nicola Liardo dedito al traffico di stupefacenti nell’ambito dell’operazione denominata “Donne d’onore”.

Nicola Liardo, in quei mesi detenuto, infatti, era alla ricerca di denaro necessario tanto a far fronte alle esigenze di vita della propria famiglia, quanto ad avviare il traffico di droga che stava organizzando dal carcere insieme al figlio Giuseppe, al genero Salvatore Raniolo, inteso Tony, alla moglie e alla figlia, attraverso l’acquisto di stupefacente da fornitori catanesi.

In tale contesto i Liardo, verosimilmente, intendevano rientrare subito in possesso del denaro che qualche tempo prima avevano consegnato a Domenico Sequino, affinché questi lo riciclasse mediante operazioni bancarie e iniziative imprenditoriali portate avanti in Lombardia da membri della famiglia mafiosa dei Rinzivillo.

Inoltre, in tempi più recenti le indagini hanno accertato che Sequinosi era intromesso negli affari illeciti dei Liardo, prendendo le difese, nel corso di un acceso confronto verbale con Giuseppe Liardo, di un noto imprenditore gelese, sottoposto a estorsione dai membri dello stesso gruppo.

E’ questo il contesto nel quale si inserisce la volontà di Nicola e Giuseppe Liardo di decretare la morte del Sequino, incaricando dell’esecuzione Salvatore Raniolo e un complice allo stato ancora non identificato.

Le indagini condotte dai carabinieri hanno accertato che Nicola Liardo, mentre era sottoposto alla misura cautelare in carcere, ha ideato l’omicidio di Domenico Sequino unitamente al figlio Giuseppe, nel corso dei colloqui che i due svolgevano presso il cui luogo di detenzione di Nicola Liardo, coinvolgendo nell’esecuzione RANIOLO Salvatore Raniolo.

Rilevante per la ricostruzione del fatto è stato anche il contributo fornito dalle emergenze investigative dell’attività tecnica svolta dalla Squadra mobile di Caltanissetta nell’ambito dell’operazione Extra fines.

I carabinieri della Sezione operativa del Reparto territoriale di Gela hanno, quindi, proceduto alla notifica dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Caltanissetta nei confronti di Nicola Liardo e di Giuseppe Liardo, entrambi già detenuti per altra causa, nonché hanno tradotto in carcere in forza del medesimo titolo Salvatore Raniolo, detto Tony, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in seno ad altro procedimento penale.

Alle ore 09:30 di oggi, nell’aula briefing della Caserma “Guccione” di Caltanissetta, si terrà un incontro informale con la stampa nell’ambito del quale verrà illustrata l’odierna attività condotta.

 

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

Stampa Stampa
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy