Corruzione, la procura di Caltanissetta chiede 10 anni e 6 mesi per Montante - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

Corruzione, la procura di Caltanissetta chiede 10 anni e 6 mesi per Montante

Condividi questo articolo.

Pesante la richiesta di pena per l’ex presidente di Confindustria Sicilia accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. Il processo si celebra con il rito abbreviato davanti al gup Graziella Luparello. Chiesta una sola assoluzione per Alessandro Ferrara, dirigente della Regione Siciliana

 

Dieci anni e mezzo di carcere per l’ex apostolo dell’Antimafia. La procura di Caltanissetta ha chiesto la condanna a dieci anni e sei mesi per Antonello Montante, l’ex presidente di Confindustria Sicilia accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. Il processo si celebra con il rito abbreviato davanti al gup Graziella Luparello. Chiesta una sola assoluzione per Alessandro Ferrara, dirigente della Regione Siciliana.

Al termine della requisitoria durata cinque udienze, il procuratore Amedeo Bertone, che insieme ai pm Stefano Luciani e Maurizio Bonaccorso rappresenta la pubblica accusa, ha sollecitato pene pesanti per cinque dei sei imputati. Alla sbarra, oltre a Montante, Gianfranco Ardizzone, ufficiale della Guardia di Finanza, per il quale sono stati chiesti quattro anni e sei mesi, Marco De Angelis, funzionario della questura di Agrigento, per il quale vengono chiesti sei anni e undici mesi di carcere, Andrea Grassi, attuale questore di Vibo Valentia, a due anni e otto mesi di reclusione, Diego De Simone, responsabile security di Confindustria, per il quale la procura chiede sette anni e un mese di carcere. Sono tutti accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, alla rivelazione di notizie coperte dal segreto d’ufficio, al favoreggiamento.

Secondo l’accusa, Montante, che dopo avere trascorso quasi un anno in carcere si trova adesso agli arresti domiciliari, avrebbe cercato di ottenere notizie riservate sui profili di alcune persone di suo interesse. In media, come spiegato dai pm durante la requisitoria, sarebbero stati effettuati nove accessi abusivi ogni tre mesi per un arco di 7 anni per cercare informazioni anche su alcuni collaboratori di giustizia, sull’ex presidente dell’Irsap Alfonso Cicero, parte offesa e parte civile, e il magistrato ed ex assessore regionale Nicolò Marino. Per la procura di Caltanissetta la catena di fuga di notizie sarebbe stata alimentata da alcune talpe istituzionali, appunto gli imputati. “Mentre noi lavoravamo di giorno, qualcuno di notte disfaceva le indagini”, ha denunciato il pm Luciani durante la requisitoria fiume.

Montante, come emerso durante la requisitoria, è ancora indagato dalla procura di Caltanissetta, per concorso esterno in associazione mafiosa. La requisitoria dei pubblici ministeri Luciani e Bonaccorso è iniziata dalla posizione di Grassi, attuale questore di Vibo Valentia, all’epoca dell’inchiesta funzionario del Servizio centrale operativo della polizia di Stato. Il dirigente di Polizia è accusato di aver fatto filtrare la notizia dell’indagine condotta dalla squadra mobile nissena su Montante. Per le rivelazione sono indagati anche l’ex capo dei servizi segreti Arturo Esposito, l’ex presidente del Senato Renato Schifani, il tributarista palermitano Angelo Cuva e l’ex capocentro della Dia di Palermo, il colonnello dei carabinieri Giuseppe D’Agata, che hanno scelto di essere giudicati con il rito ordinario.

Il pm Bonaccorso, durante la requisitoria, parlando della posizione dell’ex comandante della Guardia di Finanza di Caltanissetta Gianfranco Ardizzone e del suo presunto scambio di favori con l’ex leader di Confindustria Sicilia Antonello Montante, ha ribadito, indicando anche le intercettazioni telefoniche inserite negli atti dell’inchiesta, come il colonnello Ardizzone, tramite Montante, avrebbe ottenuto il trasferimento dalla Dia di Reggio Calabria a quella di Caltanissetta e un posto di lavoro al Confidi per la figlia Giuliana.

(di | 23 aprile 2019 – https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/23/corruzione-la-procura-di-caltanissetta-chiede-10-anni-e-6-mesi-per-montante/5129581/)

Valuta questo articolo e se ti è piaciuto, assegnaci pure 5 stelle. Grazie.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.
Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy