Bollettino Asp sul Coronavirus, sedici nuovi casi: sei a Caltanissetta - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Bollettino Asp sul Coronavirus, sedici nuovi casi: sei a Caltanissetta

Condividi questo articolo.

“Nelle ultime 24 ore sono sedici i nuovi pazienti positivi al SARS CoV-2. Si tratta di persone in isolamento domiciliare, asintomatici o con sintomi lievi tali da non richiedere il ricovero. La città con più contagi è Caltanissetta che ne conta sei;  due a Campofranco, San Cataldo, Butera e Vallelunga e uno a Villalba e Niscemi. E’ stato trasferito in Rianimazione un paziente di Caltanissetta già in isolamento domiciliare”.

Questi i dati comunicati ieri sera dal direttore generale dell’Asp2 di Caltanissetta, Alessandro Caltagirone.

I contagi a Caltanissetta salgono a 69: i positivi ricoverati in Terapia intensiva sono 3, in Malattie infettive sono 5 mentre sono 61 i positivi in quarantena domiciliare. In provincia si contano 3 positivi in quarantena domiciliare a Butera e a Campofranco. A Gela 152 sono i pazienti in quarantena domiciliare, 10 i ricoverati  in Malattie infettive e 3 in Rianimazione (negli ospedali di Caltanissetta e Gela). Si registra 1 paziente positivo a Marianopoli, 10 a Mazzarino dei quali 2 ricoverati in Malattie infettive. E’ di Milena 1 paziente ricoverato in Malattie infettive mentre 1 di Montedoro è in isolamento domiciliare. Sono 7 i positivi in isolamento domiciliare a Mussomeli, 124 sono i positivi a Niscemi con 1 paziente ricoverato in Malattie infettive. In quarantena domiciliare si trovano 17 pazienti a Resuttano, 10 a Riesi, 21 a San Cataldo, 3 a Santa Caterina, 1 a Sommatino, 2 a Vallelunga e 9 a Villalba. A Serradifalco 3 pazienti positivi al Covid-19: 2 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato in Malattie infettive.

In tutta la provincia Nissena i casi sono 467 (i pazienti provenienti da altre province sono diciassette: uno ricoverato in Rianimazione, quattordici in Malattie infettive e due in isolamento domiciliare) con una percentuale di contagio pari allo 0,173; lo scorso 22 ottobre la percentuale era pari allo 0,128% , si registra un incremento della percentuale dello 0, 045 in soli quattro giorni.

I decessi sono 22 mentre 289 sono i guariti.

“La Terapia intensiva vede otto ricoveri su otto. Se i pazienti che necessitano della rianimazione, come si è verificato a marzo, dovessero aumentare il reparto potrebbe essere trasferito al blocco operatorio dove posto i  letto disponibili sarebbero in numero maggiore”, abbiamo chiesto al direttore del reparto Giancarlo Foresta.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy