Caltanissetta, cinquantenne arrestato dalla Polizia di Stato per maltrattamenti in famiglia - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Caltanissetta, cinquantenne arrestato dalla Polizia di Stato per maltrattamenti in famiglia

Condividi questo articolo.

La moglie ha tentato in tutti i modi di mettere fine alle violenze subite. Nonostante l’ammonimento del Questore, l’uomo ha tenuto un comportamento ancora più violento

 

La Squadra mobile ha tratto in arresto un nisseno cinquantenne in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare della custodia in carcere disposta dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Caltanissetta, su richiesta della Procura della Repubblica, per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Dopo un matrimonio durato venticinque anni, la moglie non ha potuto fare a meno di mettere fine alla relazione. Una volta espressa la volontà di separarsi dal marito, infatti, per la donna ha avuto inizio un vero e proprio calvario che spesso è culminato in azioni violente. La donna negli ultimi anni era stata costretta a subire minacce, insulti e percosse da parte del marito, con il quale voleva interrompere la relazione. L’escalation di violenze subite ha raggiunto l’apice alla fine del mese di agosto quando la donna, disperata, si è rivolta alla Divisione anticrimine della Questura di Caltanissetta dove è stata sentita da personale specializzato della Polizia di Stato.

Dopo la segnalazione della donna, il marito è stato convocato in Questura e ammonito con provvedimento del questore a desistere dal continuare a vessare la moglie e a tenere un comportamento consono e rispettoso delle leggi. Nonostante l’ammonimento, il comportamento dell’indagato è diventato sempre più aggressivo con minacce inaudite rivolte all’indirizzo della coniuge che ha denunciato i fatti alla Squadra mobile. Di seguito alle indagini, il pubblico ministero, lette le testimonianze e la denuncia della vittima, ha richiesto al gip la misura cautelare. Ieri i poliziotti hanno condotto l’uomo in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

 

(Immagine di repertorio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto !!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy