Arrestata dalla Polizia una donna gelese, portava indosso due pistole - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Arrestata dalla Polizia una donna gelese, portava indosso due pistole

Condividi questo articolo.
Rate this post

La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Gela – ha tratto in arresto una donna gelese di 31 anni, per detenzione di due pistole e munizioni di vario tipo.

Grazie alle segnalazioni di alcuni cittadini, gli investigatori hanno dato avvio ad un’indagine lampo per individuare l’abitazione indicata come luogo dove la notte prima c’era stato molto trambusto.

Poche ore dopo, gli uomini della Squadra Mobile e del Commissariato di Gela hanno effettuato una perquisizione presso il domicilio di una famiglia gelese. I poliziotti hanno scelto l’orario del pranzo così da trovare tutti in casa. Mentre gli investigatori davano inizio alla perquisizione, il cane “Yocco”, dell’Unità Cinofili in forza presso la Questura di Catania, segnalava al suo conduttore la presenza di armi.

I cani poliziotto sono addestrati per fiutare sia la presenza di armi ed esplosivi che stupefacenti. Il cane “Yocco”, quando la donna durante la perquisizione si allontanava dalla stanza in modo repentino, segnalava al suo conduttore la presenza di armi, proprio perché specializzato in questa tipologia di ricerca. Messa davanti all’evidenza dei fatti, la donna non poteva fare altro che consegnare il tutto. Con sorpresa per i poliziotti presenti, la donna deteneva illegalmente, alla cinta dei pantaloni, ben due pistole e munizioni di diverso tipo. Con molta probabilità la donna è stata incaricata dal marito o da altri, occultare tra i vestiti le armi così da eludere eventuali controlli della polizia, proprio perché consapevoli di quanto accaduto la sera prima.

La ricerca in casa continuava permettendo di rinvenire un fucile ad aria compressa che sarà sottoposto ad accertamenti per verificare se potenzialmente offensivo in quanto modificato ed alcuni strumenti elettronici per la captazione di conversazioni.

La donna, al termine della perquisizione, è stata condotta presso gli uffici della Polizia di Stato dove è stata fotosegnalata dalla Polizia Scientifica. Al termine degli accertamenti sulle armi, la donna è stata condotta in carcere su disposizione della Procura della Repubblica di Gela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy