Vittima incidente filmata in diretta su Facebook, Procura vaglia ipotesi reato - CaltanissettaLive.it - Notizie ed informazione - Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
Lingua: ItalianEnglishFrenchArabicRomanianRussianChinese (Simplified)
Per info, lettere o comunicazioni scrivete a redazione@caltanissettalive.it

Vittima incidente filmata in diretta su Facebook, Procura vaglia ipotesi reato

Condividi questo articolo.

Sentito da Polstrada, ‘ma soccorsi già chiamati’

E’ stato sentito dalla Polizia stradale di Rimini Andrea Speziali, il 29enne di Riccione che ha filmato, fotografato e subito postato su Facebook il corpo riverso sull’asfalto del 24enne Simone Ugolini, morto di un incidente in scooter, alle 4 di domenica mattina. Speziali, accompagnato al comando dal padre, ha raccontato di non essere stato il primo ad arrivare sul luogo dell’incidente, che i soccorsi erano già stati chiamati da un tassista e da altre persone prima di lui. In ogni caso, saranno le celle telefoniche e le registrazioni delle telefonate, oltre ai video di alcune telecamere in strada, a ricostruire quello che è accaduto immediatamente dopo lo schianto fatale.

Tutto il materiale telefonico, il video postato su Facebook, i fotogrammi delle telecamere di sicurezza e la testimonianza del tassista, raccolta dalla Polstrada saranno domani mattina a disposizione del procuratore capo di Rimini, Paolo Giovagnoli, che ha aperto un fascicolo d’indagine anche per pubblicazione di immagini oscene, per ora contro ignoti. La Procura, infatti, vuole accertare se quel video sul social network rientri nella fattispecie del reato di pubblicazione oscena, laddove per oscene si intendono immagini raccapriccianti e impressionanti. Il lavoro degli inquirenti sarà quindi quello di valutare se, in base all’articolo 528 del codice penale, alla legge sulla stampa e alle norme sulla diffamazione, l’aver pubblicato su Facebook le foto di un ragazzo agonizzante dopo un incidente stradale, sia di rilievo penale. Per l’ipotesi di omissione di soccorso, invece, gli investigatori confronteranno gli orari delle pubblicazione sul social network e la chiamata di emergenza al 118.

Stando al video finito su Facebook, Speziali non è stato il primo ad arrivare, ma i dubbi degli investigatori restano. Intanto si attende il rientro dalla Finlandia, dove hanno trascorso un periodo di vacanza, i genitori di Ugolini, conosciuti a Riccione dove gestiscono il punto vendita ‘Il mare nel cassetto’. Per i parenti ci sarà tempo nei prossimi giorni per capire se e come agire per vie legali nei confronti dell’ autore del post acquisito dalla magistratura. Un “gesto gravissimo incomprensibile, inumano”, ha definito l’episodio il sindaco di Riccione, Renata Tosi, che ha annunciato l’ intenzione, in un’eventuale causa, di costituire il Comune parte civile.

Speziali, esperto d’arte e candidato alle ultime elezioni comunali, ha ricevuto diversi insulti sul web. “Mi sono messo a filmarlo e volevo fare una diretta, volevo condividere il mio dolore. Non cercavo lo scoop – ha detto ieri – ora ho capito di aver sbagliato e chiedo scusa a tutti”. Raggiunto telefonicamente per una commento sulla vicenda, in mattinata, Speziali aveva rimandato ad un successivo contatto, a cui però non ha risposto.

© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.



Diritto di replica e rettifica: ai sensi dell'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948, chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it
Ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Non saranno ammessi turpiloqui, flames, comportamenti non decorosi, commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy