Traffico internazionale di reperti, 23 arresti tra Italia, Inghilterra, Germania e Spagna. I particolari – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti

Traffico internazionale di reperti, 23 arresti tra Italia, Inghilterra, Germania e Spagna. I particolari

Condividi questo articolo.

Un traffico internazionale di reperti archeologici è stato sgominato dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio ambientale. Venti le misure cautelari disposte in Italia di cui otto in carcere, sette ai domiciliari e per altri cinque è stato disposto l’obbligo di presentazione alle forze dell’ordine. Altre tre persone sono state arrestate all’estero. I militari hanno sequestrato oltre 20mila reperti, molti dei quali inviati all’estero e che a breve torneranno in Italia, per un valore superiore ai 20 milioni di euro.

Secondo quanto ricostruito dai magistrati della Procura nissena e dai carabinieri, nel corso dell’inchiesta “Demetra”, i reperti archeologici provengono da scavi illegali eseguiti da un gruppo di “tombaroli”, che avevano anche accordi con i proprietari di alcuni terreni situati tra il sud della provincia nissena e il territorio agrigentino. Alcuni reperti venivano trasportati al nord Italia, in particolare in Piemonte, e venduti ad alcuni collezionisti consapevoli della provenienza illegale dei beni.

Vertice di questo gruppo era il riesino Francesco Lucerna, 76 anni, che contava sull’aiuto di alcuni suoi familiari che vivono in Piemonte.

L’inchiesta, infatti, è partita da un’indagine antimafia della Procura nissena sul territorio di Riesi e ha assunto sviluppi internazionali quando i carabinieri si sono messi sulle tracce di Gaetano Patermo, 63 anni, di Riesi, il quale aveva contattti non solo con la rete di corrieri che smerciava reperti al nord, ma anche con i componenti di un’altra organizzazione che operava tra Londra, Barcellona e Monaco di Baviera.

I militari dell’Arma, insieme ai colleghi delle polizie straniere e di Europol ed Eurojust, hanno ricostruito l’organizzazione che faceva capo al londinese William Thomas Veres, il quale aveva negli italiani Andrea Palma a Barcellona e Rocco Mondello a Monaco di Baviera due referenti di primo piano. Tutti e tre sono stati arrestati.

I reperti arrivavano sempre dalla Sicilia, trasportati nei modi più disparati. In un’occasione un corriere aveva nascosto alcune monete d’argento di epoca greca nel portafoglio per sviare i controlli in aeroporto. I reperti venivano immessi nel circuito delle case d’aste di Monaco di Baviera e “dotati” di certificati di provenienza. Risultava infatti che i beni arrivassero da collezioni private. Il ricavato finiva poi a Londra e Veres li redistribuiva anche in Italia grazie all’aiuto di Palma a Barcellona con sistemi di money transfer o con consegne in contanti. Diversi corrieri si recavano in Spagna a recuperavano il denaro, facendo attenzione a non superare il limite di contanti trasportabili.

In carcere sono finiti Francesco Lucerna, 76 anni, di Riesi, Matteo Bello, 61 anni, di Ravanusa, Francesco Giordano, 71 anni, di Campobello di Licata, Luigi Giuseppe Grifasi, 64 anni, di Ravanusa, Calogero Ninotta, 39 anni, di Ravanusa, Gaetano Romano, 58 anni, di Ravanusa, Gaetano Patermo, 63 anni, di Riesi e Palmino Pietro Signorelli, 66 anni di Belpasso. Arresti domiciliari per Valter Bertaggia, 70 anni, di Collegno (Torino), Giovanni Lucerna, 49 anni, di Torino, Maria Debora Lucerna, 55 anni, di Torino, Salvatore Pappalardo, 75 anni, di Misterbianco, Calogero Stagno, 51 anni, di Favara, Luigi Signorello, 34 anni, di Belpasso e Luigi La Croce, 62 anni, di Strongoli (Crotone).

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.