San Cataldo, minore picchiato brutalmente: arrestati 4 giovani dai carabinieri – CaltanissettaLive.it – Notizie ed informazione – Video ed articoli di cronaca, politica, attualita', fatti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanishArabicRomanianRussianSudaneseUrduKurdish (Kurmanji)Chinese (Simplified)

San Cataldo, minore picchiato brutalmente: arrestati 4 giovani dai carabinieri

Condividi questo articolo.

Questa mattina i carabinieri della Tenenza di San Cataldo, con la collaborazione di militari della Compagnia carabinieri di Caltanissetta, hanno eseguito, nei confronti di quattro giovani di San Cataldo, due provvedimenti restrittivi emessi dal Gip del Tribunale ordinario di Caltanissetta e dal Gip del Tribunale per i minorenni di Caltanissetta, su richiesta delle rispettive Procure, ordinaria e per i minorenni, per i reati, tutti in concorso, di sequestro di persona aggravato e lesioni personali gravissime.
I quattro ragazzi, tutti incensurati di origini Sancataldesi, di età compresa fra i 18 e i 20 anni, si sono resi protagonisti di un gravissimo episodio di violenza ai danni di un minorenne lo scorso 21 gennaio 2017.
Quella sera un minorenne di San Cataldo, mentre era in compagnia di altri due coetanei all’interno di un locale in corso Unità d’Italia di San Cataldo, dopo un diverbio per futili motivi con un maggiorenne, venne prelevato da quest’ultimo, con l’aiuto di un altro minore oggi maggiorenne e destinatario di medesima misura cautelare, con la forza e condotto in un garage posto nelle vicinanze, di proprietà di un amico dell’aggressore.
Qui il minore venne bloccato e picchiato da tre maggiorenni e da un quarto soggetto, all’epoca minore anch’egli.
Il brutale pestaggio, durato circa trenta minuti e durante il quale il minore venne umiliato, con tanto di richiesta di baciare le scarpe agli aggressori, nonchè colpito ripetutamente con calci e pugni, venne interrotto solo grazie all’intervento di due amiche degli aggressori, casualmente presenti, nonché perché gli stessi quattro ragazzi si erano resi conto delle importanti lesioni inferte al minore. Dopo aver subito minacce di morte in caso di denuncia, il ragazzo venne lasciato libero di allontanarsi.
Il minore, con grandi difficoltà fisiche, riuscì a tornare a casa, dove venne immediatamente soccorso dai genitori e portato al pronto soccorso dell’ospedale S. Elia di Caltanissetta, dove gli vennero riscontrate lesioni gravissime con sfregio permanente del viso.
I genitori si presentarono la mattina seguente presso la caserma carabinieri di San Cataldo sporgendo denuncia contro i quattro ignoti aggressori, mai conosciuti prima di quella drammatica sera dal figlio.
Immediatamente avviate le indagini da parte dei locali carabinieri sotto le direttive del Pubblico ministero della Procura dei minori, e successivamente, dopo l’individuazione e identificazione da parte dei carabinieri dei componenti del branco di aggressori, con le direttive del Pubblico ministero della Procura ordinaria, si è riusciti a ricostruire la dinamica dell’aggressione al minore.
In seguito alle richieste dei due Pm delle Procure coinvolte, si è giunti all’emissione dei provvedimenti restrittivi eseguiti questa mattina, e che hanno portato tre dei giovani coinvolti agli arresti domiciliari, così come disposto dal Gip del Tribunale di Caltanissetta, mentre il quarto, all’epoca dei fatti ancora minorenne, è stato sottoposto all’applicazione del collocamento in comunità, in esecuzione del provvedimento del Gip del Tribunale per i minorenni di Caltanissetta.

Condividi questo articolo.
© Ogni riproduzione anche parziale di questo contenuto e' riservata.

Diritto di replica e rettifica: l'art. 8 della legge sulla stampa 47/1948 stabilisce che "il direttore o, comunque, il responsabile e' tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignita' o contrari a verita', purche' le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale".
Chiunque volesse far vale il proprio diritto di replica o rettifica, e' pregato di contattare la redazione di questa testata all'indirizzo redazione@caltanissettalive.it

Gentili Lettori, ogni commento agli articoli su CaltanissettaLive.it sarà sottoposto a moderazione prima di essere approvato. Vi preghiamo di non utilizzare alcun tipo di turpiloquio, non accendere flames e di mantenere un comportamento decoroso. Non saranno approvati commenti che abbiano lo scopo di denigrare l'autore dell'articolo o l'intero lavoro della Redazione. Per segnalazioni e refusi siete pregati di rivolgervi al nostro indirizzo di posta elettronica: redazione@caltanissettalive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy